Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: [società] Quanto Prende Un Ragazzo Della Nostra Generazione?
FerraraForum.it > Brainstorming > Costume e Società
Pagine: 1, 2, 3, 4, 5
willy23
forza ragazzi

----------------------------------------------------
DISCUSSIONI CORRELATE:

Lavorare all'estero e mollare tutto
Biggio
Ho fatto tanti lavori inculata (Fastweb, antennista, rappresentante, tecnico informatico ecc) dove ti facevi un mazzo pauroso a volte anche per 11 ore al giorno e alla fine lo stipendio (che arrivava sempre con anche settimane di ritardo) era poco sopra gli 800€ al mese quando andava bene, mentre in altre occasioni si arrivava a 600€ al mese... Una miseria impressionante!!!

Ora sono riuscito ad entrare nei Vigili del Fuoco e facendo 8 richiami all'anno (quindi lavoro solo 8 mesi l'anno) riesco a guadagnare un salario di 8500€ l'anno circa...un po' pochi ma per ora mi bastano anche perchè il lavoro mi piace!

Ma sono sincero, se non avessi intrapreso la carriera di pompiere non so se avrei lavorato con molta voglia per andare a prendere quella miseria di soldi, purtroppo è uno schifo atroce, soprattutto per me che mi sono fermato presto con gli studi!
Deborina
mmmm...io prendo veramente pochino...vediamo un po'...contratto a progetto, 8 ore al giorno e non arrivo a 800 € al mese. tra pochi mesi il contratto mi scade e quindi si vedrà..per ora mi accontento...spero di avere le mie soddisfazioni..
LLEAR
Non lavoro al momento.
Solo cose come promoter ma pagano alla giornata lavorativa.

Laura
(sic)
premetto che ho sempre lavorato come APPRENDISTA.
escludendo i lavori estivi tra un anno scolastico e l'altro posso dire che:
dapprima ero operaio in un'aziensa ortofrutticola: prendevo dai 1200 ai 1300 senza benefit.
poi addetto al controllo qualità in ditta metalmeccanica: prendevo dai 1000 ai 1100 senza benefit.
infine ora
macchinista edile: prendo dai 1000 ai 1200 con cellulare e mezzo della ditta
Biggio
CITAZIONE (Deborina @ 7 Jan 2008 - 15:01) *
mmmm...io prendo veramente pochino...vediamo un po'...contratto a progetto, 8 ore al giorno e non arrivo a 800 € al mese. tra pochi mesi il contratto mi scade e quindi si vedrà..per ora mi accontento...spero di avere le mie soddisfazioni..

Quello che mi lascia di stucco è che tu hai un bel diploma di geometra mi pare, e come dici tu non arrivi a 800€...quando magari un ceffo qualsiasi (io per esempio) che non ha neanche il diploma guadagna di più di te facendo un lavoro dello stramenga!!! -_____________-'
Stefano79
@Biggio: beh dai il tuo lavoro non è proprio dello stramenga, fare il pompiere è un lavoro rispettabilissimo e coi controcazzi! Io non credo che riuscirei a farlo, parlo di cose tipo tirar fuori della gente da delle macchine spappolate su un platano et similia...

Comunque sia io sono ingegnere civile, lavoro da 3 anni, ora prendo 1200 euro netti al mese + tredicesima, no benefit. Non mi lamento ma ci ho messo 3 anni ad arrivarci cambiando lavoro ogni anno con questi step: 1° lavoro: 200 euro --> 500 euro --> 800 euro --> dopo quasi 1 anno 1000 euro, 2° lavoro (in partita IVA): restavano circa 1000 euro netti, 3° lavoro (quello attuale): 1200...
simone19
purtroppo non ho un lavoro attualmente.
Urania82
Sono 6 anni che faccio sempre lo stesso lavoro. Praticamente subito dopo il diploma ho iniziato a fare l'impiegata/progettista/venditrice in un mobilificio. Considerando che lavoro TUTTI i sabati e 2 domeniche al mese la paga media è intorno ai 1.100 €. Poi ci sono mesi che con qualche straordinario si arriva a 1.300/1.400 ma lavorando in media 10/11 ore al giorno.
No benefit e no speranza di avanzare perchè è a gestione familiare quindi prima di me ci sono tutti i parenti...
Però mi piace quello che faccio e quindi per il momento va bene così. Quando cambieranno le esigenze cambierò tranquillamente anche il lavoro.
Biggio
CITAZIONE (Stefano79 @ 7 Jan 2008 - 15:21) *
@Biggio: beh dai il tuo lavoro non è proprio dello stramenga, fare il pompiere è un lavoro rispettabilissimo e coi controcazzi! Io non credo che riuscirei a farlo, parlo di cose tipo tirar fuori della gente da delle macchine spappolate su un platano et similia...

Intendevo quando facevo l'antennista, o lavoravo per Fastweb... 4.gif
gaTuz
Allora premetto che a Febbraio mi scade il contratto di formazione lavoro!

Un bel contrattino di formazione lavoro di ben 5 ANNI .... (mai capito se legale)

ad ogni modo per ben 5 anni loro mi hanno sottopagato per 40 ore lavorative la settimana all'incirca 800-850 Euro al mese + Tredicesima nessun benefit!!

Adesso però che ho io il coltello dalla parte del manico nel momento in cui scade il contratto perchè:

Son rimasto l'unico dipendente dell'azienda

Curo personalmente io la grafica in generale, biglietti brochure flyer cartelloni loghi ecc ecc ... per loro son soldi senza materiale percui ci tengono

Se prendono uno nuovo dovrebbero riformarlo da capo e sarebbe un dramma

In più mi hanno fatto fare a me il Corso per l'Antincendio e Quello di Primo Soccorso, se me ne vado devono farli fare a qualcunaltro se no non sono in regola!

Ecco perchè a Febbraio cercherò di tirare su il mio stipendio il più possibile, almeno in queste cose bisogna un po tirarsela quando se ne ha la possibilità se no è ovvio che fanno i loro interessi e ti inculano con meno vasellina possibile!!!! sisi.gif

E ragazzi teniamo conto di un'altra cosa ... con quello stipendio arrivate a fine mese???

Io ci arrivo a malapena considerano che vivo con un amico percui ho tutte le spese della casa più l'affitto!

alla faccia di quel rotto nell'*** di Padoa Schioppa
willy23
Allora io prendo 1550 euro al mese, più auto (benzina e autostrada) anche nei week-end, cellulare e rimborso pranzo di max 15 euro al giorno, tredicesima e quattordicesima. Però lavoro a Modena, Fe-Modena tutti i santi giorni. Ho trovato questo lavoro grazi alla facoltà di ingegneria, che grazie a questo lavoro non ho mai portato a termine (5 esami alla laurea triennale). Possibilità di carriera lievi, libertà di orario massima.
Senbee Norimaki
Impiegato di quinta categoria, a tempo indeterminato. Non lavoro il sabato e la domenica, ho due giorni e mezzo di ferie al mese cumulabili, lo stipendio netto alla fine, tra premi produzione e pezzi di quattordicesima varia tra i 1100 e i 1350, più una tredicesima. Sono a circa 15 km da Ferrara, ci arrivo in 15 minuti (30 se c'è molto traffico per uscire o entrare da Fe). Lavoro 8 ore, che poi alla fine sono nove-dieci, compresa la mensa il viaggio e qualche piccolo straordinario.
Purtroppo però adesso facciamo un giorno alla settimana di cassa integrazione, che è pur che è una vacanza e che ti pagano la metà, però è una palla pazzesca perché hai sempre il timore che chiuda tutto da un momento all'altro (la ditta è in amministrazione controllata fra qualche mese scade il bando di vendita... lì vedremo. brivido! icon_mrgreen.gif)
mick74
Io lavoro come aiuto manager nelle casse di in un supermercato di nome Tesco e il mio stipendio si aggira sui 2000, 2100 al mese, di benefit ho la tredicesima più eventuali bonus,e 10% di sconto su tutti i prodotti all' interno del spermercto, le ferie sono di 4 settimane l' anno.
turni 2 dalle 7 alle 5(devo aprire)
e 17 alle 22(devo chiudere)
39 ore settimanali non sono ammessi straordinari, paga 1 e 1/2 mattino dalle 7alle 8 e domenica, altre festivita' pagate doppio.
Deborina
CITAZIONE (Biggio @ 7 Jan 2008 - 15:07) *
Quello che mi lascia di stucco è che tu hai un bel diploma di geometra mi pare, e come dici tu non arrivi a 800€...quando magari un ceffo qualsiasi (io per esempio) che non ha neanche il diploma guadagna di più di te facendo un lavoro dello stramenga!!! -_____________-'


già. diploma da geometra e più ho superato l'esame di stato per la libera professione..quindi se solo volessi potrei tirare fuori il mio timbrino...ma aimè i costi sono troppo alti e l'esperienza lavorativa troppo poca, per non parlare del grosso quantitativo di geometri che cè.
il lavoro mi piace, ci sono solo alcune rotture di palle, come in tutti i lavori. la gavetta è lunga. ho iniziato con il praticantato, 2 anni a zero euro...poi sono stata assunta con contratto a progetto a uno stipendio che non arrivava nemmeno ai 500 €...sono arrivata a quasi 800€ e tra poco rinnovo. staremo a vedere!!!
freespiritinevery1
studio e lavoro part-time.
non vado a mensilità ma a serate (barman)
di solito sono 100 a sera a volte 10 più a volte 10 meno.

viaggio sui 600-800 euro al mese.

per quel che riguarda il mio lavoro aggiungo una cosa, visto che mi sta altamente sul cazzo, che prendono a lavorare persone non qualificate,inette e decisamente ignoranti,
queste si offrono 8 10 ore (cioè a servizio) per 70 euro.
in pratica lo mettono nel culo a quelli come me, che si è fatta il mazzo per imparare,più spese dei corsi, se no potrei prendere anche di più...
scusate lo sfogo.
Biggio
Speriamo bene Deb, mi viene male se penso al culo che ti sarai fatta per poi arrivare anche se il lavoro ti piace ad uno stipendio così bassettino! icon_frown.gif
(sic)
il praticantato pagato zero è SFRUTTAMENTO.
dovrebbe essere messo fuori legge.
Elly
Io sono insegnante in un asilo nido ovviamente privato...(l'ovviamente privato stava per:dove ti fai un mazzo tanto al contrario degli statali che fanno dalle 4-ore al giorno e per tutta la vita hai lavoro assicurato).Ho iniziato anch'io con un contratto a progetto e facevo 35 ore settimanali( 7 al giorno) più straodinari che ovviamente non venivano pagati e la paga era meno di 500€...poi è passata a circa 630€ dopo un anno...poi però il salto di qualità..contratto in regola a tempo determinato con rinnovo ogni anno...con tredicesima e quattordicesima intorno ai 950 al mese...
Il mese scorso ci son stati gli aumenti della categoria insegnanti e adesso con un 5livello nido prendo 1000 € pieni e a volte qualcosina in più...
L'inculata c'è..fanno scadere il contratto a luglio e rinnovano a settembre così non ci saranno mai i 2-3 di continuativo x poi passare automaticamente a indeterminato...
Il mio lavoro mi piace,lavorar con i bimbi mi viene è una cosa che ho nel dna evidentemente..da quando avevo 18anni ho sempre lavorato nel periodo estivo nelle colonie...però sinceramente con tutti i problemi che ci sono per il futuro sto pensando seriamente di cambiar lavoro e siccome mi son stati offerti 2 post a tempo indeterminato e la paga iniziale è quella che tutt'ora prendo...bè ci sto riflettendo parecchio...
Chissà la mia carriera d'insegnante potrebbe finire nei prox mesi... piero.gif
pipponex
Diciamo che sono part-time,lavoro la sera nei locali come free e la paga varia dai 70 ai 120 dipende da molti fattori e poi lavoro di giorno part-time nella ditta di trasporti e facchinaggio del mio fratellone.....non è malvagio ma a volte molto faticoso...ora che sono a lezione la mattina lo stipendio gira sui 1000 euro al mese,in estate di più perchè ho più tempo da dedicare al lavoro....e ho una assicurazione che mi copre tutto......ma non ho tredicesima
MJ83®
800€ al mese e come benefit potrei mettere la libertà di asoltare musica durante il lavoro, fumare la paglia quando mi pare, godere della piscina della villa in estate e vedere delle modelle che ogni tanto vengono nello studio a provare vestiti o fare servizi fotografici icon_pig.gif
Tutto questo se quest'anno mi rinnovano il contratto... sperem!
Biggio
E faresti tu MJ? serio.gif
MJ83®
Lavoro (o almeno lavoravo, dipende se rinnovano il contratto o no) con Deus, grafico nello studio di uno stilista.
Biggio
Maial che figata fratello!!!!! O___O

Ma dove? E che stilista è?
MJ83®
A Gaibana, il posto si chiama Luca Berti Studio. Non che sia particolarmente interessato alla moda, anzi, però alla fine è un bel lavoro, ci sono dei periodi un po' pesanti in cui si devono fare anche diverse ore di straordinari ma tuttosommato mi trovo bene e spero di poterci rimanere ancora icon_smile.gif
Biggio
Vengo a lavorarci anche io cazzo, non sono male come grafico dai...di Photoshop ne so il giusto!!!! yuppi2.gif
MJ83®
Hehehe il problema è che in questo periodo c'è poco lavoro, per questo ancora non so se potranno rinnovarmi il contratto, Deus è a posto perché lui è il veterano lì dentro e almeno un grafico deve rimanere, io non so... spero di sì comunque.
Biggio
Al massimo chiedigli se ti mettono a fare i chinotti!!!!! sarcastica.gif


andromaque.gif
koas
primo anno: 8 ore al giorno a 0,00 €
secondo anno: 8 ore al giorno a 200,00 €
terzo anno: 10 ore al giorno a 400,00 €
quarto anno.. appena iniziato.. previsioni pessime.. il capo ha deciso di abbassarmi la paga..
che vita!!!!! doppiomedio.gif
e sono fortunata perchè sono in uno degli studi in cui pagano di più!!
MJ83®
icon_eek.gif

Ma cosa ti spinge ad accettare condizioni del genere?!? icon_eek.gif
koas
...gli avvocati si sa sono un po' corti di manica...
Biggio
LOL per 400€ piuttosto mi gratto sanamente i coglioni a letto videochiamando il datore di lavoro LOL!!!!! O_____________O

Robe da pazzi, oltrettutto un avvocato che paga così poco...cioè boh e poi dicono che l'Italia va in malora e i giovani non hanno coglioni di lavorare...

Ma BAFFANCULO!!!! serio.gif
graograman
CITAZIONE (Biggio @ 8 Jan 2008 - 00:32) *
LOL per 400€ piuttosto mi gratto sanamente i coglioni a letto videochiamando il datore di lavoro LOL!!!!! O_____________O



MA CON QUALI SOLDI PORCA TROIA????

IL VIDEO FONINO CHE TI COMPRA IL PAPO?
SI CHIAMA PRATICANTATO. E' SFRUTTAMENTO, MA SE TI SERVONO I SOLDI LO FAI DIO CRISTO

TU SPUTI SU CHI SI SPEZZA LE OSSA PERCHE' L'ALTERNATIVA è UN CAZZO DI FOTTUTO PONTE DI MERDA PORCA TROIA

SONO INORRIDITO
hubert
iiial.

leggero.

Io odio quelli che scrivono lol.

Scrivi piuttosto RUC o USDR.

io finalmente ho trovato un lavoro che mi piace. Mi pagano benino, benefit a gogo, macchina, portatile, telefono, regalini di natale, e in piu' faccio quello che mi piace.

Biggio.... dov'e' che hai fatto il tecnico informatico scusa?
AHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHA
AHAHAHHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHA

non rido per quello che state pensando tutti. Biggio potrebbe anche esserlo un tecnico informatico, e io non mi sento affatto migliore di lui (anche se lui non sa trovare il mac address del suo iphone 4.gif), ma rido perche' forse so a cosa si riferisce.

e' di 3 lettere? 4.gif

mi spieghi come te la mantieni la S2000 con 8500 euro l'anno?

\o/
MJ83®
Grao usa toni più civili please.
mick74
hey MJ attenzione, Grao ha ragione ad adoperare toni accesi perche' il bamboccio non pensa con il cervello ma con il cu..
come avevano ragione Le Big Mac, Senbo, BzBiz, Slash nel topic taser.
non cè rispetto per le idee, esperienze e cose altrui, si scontrineggia anche nei calli dei piedi e personalmente lo trovo irritante assai.
posso capire che sia giovane, ma un minimo di giudizio e coerenza nelle risposte lo troverei assai gradito che nel correre subito nei videofonini, cavalli, ferri e soldi che da quanto vedo non sono pure suoi, oppure bisogna dare la colpa ai genitori?
comncio a pensare che papi gli dica: mi raccomando quando sei al bar sfotti chi ha la macchina di merda e/o non ha l' iphone importato.

dai anden!
Deborina
CITAZIONE (MJ83® @ 7 Jan 2008 - 21:21) *
A Gaibana, il posto si chiama Luca Berti Studio. Non che sia particolarmente interessato alla moda, anzi, però alla fine è un bel lavoro, ci sono dei periodi un po' pesanti in cui si devono fare anche diverse ore di straordinari ma tuttosommato mi trovo bene e spero di poterci rimanere ancora icon_smile.gif


questo Luca Berti è per caso alto, rossiccio e ha fatto geometri??
conosco un ragazzo che si chiama Luca Berti..ma non sò se sia lo stesso!!
WhiteK
Faccio il tecnico informatico "cacciavitaro" (sistemo problemi software e hardware ai pc... ovvero sistemo i casini fatti dagli altri XD) e prendo tra i 700 e gli 800€ al mese ma sono ancora in apprendistato (e uscirne sarà ancora lunga sisi.gif).
Come benefit ho il cellulare con chiamate a carico dell'azienda. La cosa che mi piace del lavoro (oltre che al momento sono su un cliente a 1km da casa mia) è che ho abbastanza libertà, non ho orari fissi basta che risolva le chiamate che arrivano e che garantisca la presenza in determinate fascie orarie per le urgenze.
I contro è che ormai i problemi che arrivano sono sempre i soliti o varianti dei soliti quindi al momento la mia crescita professionale non è in grande aumento.

C'est la vie.


Per i soldi non mi trovo male come stipendio, lascio 250€ ai miei per le spese di casa e il resto me lo tengo ma non essendo uno spendaccione riesco anche a mettere da parte qualcosina.
Cate!!
Premetto che sono una ragazza che studia..quindi i miei guadagni nn sono fissi..
7 euro all'ora x fare la baby sitter a due bimbi..8 euro all'ora per fare la promoter nelle fiere..
e per il resto li spendo solo!!!!!!!
2pac
Viaggio tra i 600 e i 700 mensili, veramente poca roba considerando il fatto che per tre contratti di collaborazione perdo tutta la giornata e che poi ho una casa, le bollette, la macchina, le mie spese personali e la tassa universitaria da pagare.
La speranza è che tutta questa gavetta porti a qualche risultato nel prossimo futuro.
willy23
Scusa Biggio, ma per te è meglio prendere 1100 euro per i primi 10 anni, poi 1200 per altri 10 e poi 1300 per i restanti 20, Oppure 400 per i primi 10 anni e poi 4000 per i restanti 30.
Si chiama carriera, sicuramente facendo la baby-sitter o il barman o la promoter o il porta pizze, prendi più soldi all'inizio, ma possibilità di carriera ZERO. Sicuramente lavorando in uno studio di architetti o avvocati, all'inzio prenderei quasi zero, ma hai grandissime possibilità di carriera.
Questo si chiama pensare un attimino al futuro e non vivere propiamente alla giornata.
In più aggiungo due cose:
1° se sei giovane e devi soddisfare qualche voglia e fai un lavoretto per quadagnare qualche soldo (tipo porta pizze), ci sta tutto e condivido in pieno.
2° se per 50 euro al mese devi raccogliere per 8 ore al giorno margherite, ma questo lavoro ti piace e ti rende felice e riesci a campare più o meno bene con più o meno aiuti, ci sta tutto e condivido in pieno.
Biggio
CITAZIONE (graograman @ 8 Jan 2008 - 01:53) *
MA CON QUALI SOLDI PORCA TROIA????

IL VIDEO FONINO CHE TI COMPRA IL PAPO?
SI CHIAMA PRATICANTATO. E' SFRUTTAMENTO, MA SE TI SERVONO I SOLDI LO FAI DIO CRISTO

TU SPUTI SU CHI SI SPEZZA LE OSSA PERCHE' L'ALTERNATIVA è UN CAZZO DI FOTTUTO PONTE DI MERDA PORCA TROIA

SONO INORRIDITO

Sono stato sfruttato a lavoro più di quanto tu creda o sappia, fidati che so cosa vuol dire...

Ah per la cronaca, il mio cell me lo sono comprato io lavorando in caserma, il papi non ha fatto nulla... icon_wink.gif


Bacino... icon_smile.gif



CITAZIONE (hubert @ 8 Jan 2008 - 02:34) *
iiial.

leggero.

Io odio quelli che scrivono lol.

Scrivi piuttosto RUC o USDR.

io finalmente ho trovato un lavoro che mi piace. Mi pagano benino, benefit a gogo, macchina, portatile, telefono, regalini di natale, e in piu' faccio quello che mi piace.

Biggio.... dov'e' che hai fatto il tecnico informatico scusa?
AHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHA
AHAHAHHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHA

non rido per quello che state pensando tutti. Biggio potrebbe anche esserlo un tecnico informatico, e io non mi sento affatto migliore di lui (anche se lui non sa trovare il mac address del suo iphone 4.gif), ma rido perche' forse so a cosa si riferisce.

e' di 3 lettere? 4.gif

mi spieghi come te la mantieni la S2000 con 8500 euro l'anno?

\o/

No ceff non è la DEA LOL!!!! icon_mrgreen.gif icon_mrgreen.gif

Li però in quei 3 mesi ho imparato molto sul computer, grazie a Mauro e al Gargio!!!! icon_wink.gif


Io l'S2000 me la mantengo con quei soldi e me ne rimangono a IOSA anche! icon_wink.gif

CITAZIONE (willy23 @ 8 Jan 2008 - 12:05) *
Scusa Biggio, ma per te è meglio prendere 1100 euro per i primi 10 anni, poi 1200 per altri 10 e poi 1300 per i restanti 20, Oppure 400 per i primi 10 anni e poi 4000 per i restanti 30.
Si chiama carriera, sicuramente facendo la baby-sitter o il barman o la promoter o il porta pizze, prendi più soldi all'inizio, ma possibilità di carriera ZERO. Sicuramente lavorando in uno studio di architetti o avvocati, all'inzio prenderei quasi zero, ma hai grandissime possibilità di carriera.
Questo si chiama pensare un attimino al futuro e non vivere propiamente alla giornata.
In più aggiungo due cose:
1° se sei giovane e devi soddisfare qualche voglia e fai un lavoretto per quadagnare qualche soldo (tipo porta pizze), ci sta tutto e condivido in pieno.
2° se per 50 euro al mese devi raccogliere per 8 ore al giorno margherite, ma questo lavoro ti piace e ti rende felice e riesci a campare più o meno bene con più o meno aiuti, ci sta tutto e condivido in pieno.

Ma infatti mica ho detto che lo faccio per fare carriera il portapizze eh!!! Ci mancherebbe, il mio lavoro primario e il Vigile del Fuoco, su quello conto di fare carriera altrochè! icon_wink.gif




CITAZIONE (mick74 @ 8 Jan 2008 - 04:35) *
il bamboccio

E via con le offese gratuite... icon_redface.gif
taddia
CITAZIONE (Deborina @ 8 Jan 2008 - 09:08) *
questo Luca Berti è per caso alto, rossiccio e ha fatto geometri??
conosco un ragazzo che si chiama Luca Berti..ma non sò se sia lo stesso!!


no, non è lui

huby, che lavoro fai?
Black Ice
ho quasi 27 anni e lavoro da 7 anni come programmatore, sono solo diplomato, il primo contratto che posso definire a malapena decente me lo hanno fatto ora: è un part time in cui lavoro come un full time mi pagano 1100€ netti e sparagnano sui contributi, tredici mensilità e nessun benefit, considerando che vivo solo non è che si sguazzi nell' oro, non riesco a mettere via una borsa, ma a aqunto pare la media delle persone della mia età non è molto al di sopra, anche se vorrei di più, per ora non mi lamento troppo e attendo tempi migliori.
koas
@blackice i tempi migliori non tarderanno ad arrivare.

hai buona volontà, per cui non disperare!

27 anni.. la mia età..

e sei un programmatore.. esattamente come me...

ci conosciamo forse??

ps. il mio lavoro, di praticante abilitato alla professione legale, anche se sottopagato, è gratificante!

nulla è in grado di ripagare quanto il sorriso di una persona vittima di soprusi, alla quale sei riuscito a dare una mano... e sopratutto una speranza...
Boris
CITAZIONE (mick74 @ 7 Jan 2008 - 16:29) *
Io lavoro come aiuto manager nelle casse di in un supermercato di nome Tesco e il mio stipendio si aggira sui 2000, 2100 al mese, di benefit ho la tredicesima più eventuali bonus,e 10% di sconto su tutti i prodotti all' interno del spermercto, le ferie sono di 4 settimane l' anno.
turni 2 dalle 7 alle 5(devo aprire)
e 17 alle 22(devo chiudere)
39 ore settimanali non sono ammessi straordinari, paga 1 e 1/2 mattino dalle 7alle 8 e domenica, altre festivita' pagate doppio.

a quanto pare lui è l'unico che supra la quota "2" e lavora a dublino

ma qualcuno di voi sarebbe disposto a viaggiare o cambiare citta ogni 2-3 anni o lavorare all'estero per fare carriera? io per ora non ho il problema di dover lavorare devo prima finire il +2 di inge, ma poi una volta laureato penso che ci farei un pensierino a provare a spostarmi per trovare un lavoro che mi soddisfa di +
GRIND3RMAN
Trentadue anni la prossima settimana, webdeveloper cocopro per una azienda di Pavia, a 1200 euri per 12. Benefici: hardware e licenze pagate dall'azienda, e telelavoro, quindi mi ritrovo effettivamente libero da vincoli d'orario, il che non è male. Non è proprio la situazione in cui immaginavo di trovarmi dieci anni fa ma insomma... :°D
2pac
Questi sono solo alcuni spunti sulle difficoltà e sulla situazione di precariato che molta gente che si affaccia al mondo del lavoro deve affrontare ed anche sopportare.

In questo caso, la situazione mia e di tanti altri miei colleghi di tutta italia.

CITAZIONE
GIORNALISTI DI SERIE A E GIORNALISTI DI SERIE B

Negli anni d’oro (quelli ormai lontani più di due decenni) circolava un simpatico adagio che voleva il giornalismo lavoro d’elite e poco faticoso, remunerativo e pieno di privilegi.
«Fare il giornalista è sempre meglio che lavorare», si diceva.
In effetti fino agli anni 80 i giornalisti facevano parte di una categoria-casta ben pagata che deteneva di sicuro le leve del potere.
Negli anni 90 le cose iniziano a cambiare, le testate giornalistiche aumentano sempre più, si consolidano le reti televisive e radiofoniche locali. I grandi gruppi investono nel locale sviluppando redazioni regionali. Aumenta la richiesta dei giornalisti e gli iscritti all’albo, in maniera esponenziale. I giornali aumentano la foliazione e c’è bisogno di più lavoratori.
Si crea, all’interno della casta dei giornalisti, una netta separazione: ci sono i giornalisti assunti (quelli con la propria scrivania, in redazione, con stipendi che superano i 2000 euro, spese, trasferte, straordinario, tredicesima e quant’altro preveda il contratto nazionale).
Ci sono poi i cosiddetti “collaboratori” (5 euro a pezzo, quelli che vivono per strada e non possono accedere in redazione, che lavorano da casa e sono apparentemente svincolati dall’organico che crea il giornale, si pagano spese e disagi).
Sarebbe tutto normale se il ricorso al “collaboratore esterno” fosse occasionale e sporadico.
Cosa diversa, invece, se si spremono giovani desiderosi di affermarsi per fare gran parte del prodotto giornale, sfruttando meccanismi perversi di leggi non più attuali o distratte o troppo generiche o peggio interpretate male.
Ed è chiaro che all’editore il ricorso al collaboratore convenga davvero molto: come chiedergli “preferisci che ti regali mille euro oppure un milione?”.
La completa latitanza ed impotenza di Ordine e sindacato (e quella anche degli organi ispettivi) ha generato una sorta di matematica tranquillità che sovrasta sfruttamento e lavoro nero e che si traduce in decine e decine di vertenze singole ed estenuanti che terminano dopo oltre 10 anni (ed i collaboratori non sono highlanders…)
Nel frattempo è intervenuta la legge Biagi che ha flessibilizzato ulteriormente il lavoro dei collaboratori anche dei giornali. In sostanza il giornale che prima si faceva con giornalisti con contratto e diritti oggi si fa soprattutto con collaboratori che vengono pagati meno e soprattutto non hanno alcun diritto.

PUBBLICISTA E PROFESSIONISTA


Secondo la legge che istituisce l’Ordine e regola la professione giornalistica (3 febbraio 1963 n. 69) «sono professionisti coloro che esercitano in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista. Sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni ed impieghi».
Per poter diventare pubblicisti occorre aver pubblicato un pugno di articoli, essere stati retribuiti in qualche modo (non importa se molto o poco).
Per diventare professionisti, invece, bisogna essere dotati di un contratto da praticante, esercitare continuativamente la pratica giornalistica per almeno 18 mesi e superare l’esame di Stato che si tiene a Roma due volte l’anno.
Tuttavia poiché degli editori hanno fatto ampio ricorso agli strumenti che la legge mette a disposizione sfruttando al massimo la flessibilità è diventato in sostanza impossibile ottenere i contratti da praticante poiché per l’azienda molto onerosi.
Così la maggior parte degli “operatori dell’informazione” saranno pubblicisti (che è un po’ come i minorenni che portano il motorino o quelle auto per cui non occorre la patente: non sono tenuti a conoscere segnali stradali e regole però guidano lo stesso, senza una certificazione ufficiale e riconosciuta di una “sufficiente preparazione”)

COLLABORATORI A 5 EURO AD ARTICOLO O 300 EURO AL MESE


Iniziare a scrivere sul giornale non è poi particolarmente difficile. Diventa ostico se si pretende di essere pagati per il lavoro che si svolge.
Chissà perché il giornalismo è l’unico mestiere che si può fare “per hobby”.
Assolutamente impossibile è oggi essere regolarizzati che significa semplicemente avere un contratto (che rispecchi perfettamente il ruolo effettivamente svolto) e dunque diritti.
Il ragazzo che si avvicina a questa professione avendo un’idea romantica della professione si scontra immediatamente con la realtà che, nella migliore delle ipotesi, è un contratto annuale di collaborazione (alcuni anche a progetto anche se francamente si ignora quale sia in questo caso l’accezione di “progetto”).
Oggigiorno si fa ampio ricorso a contratto flessibili che ogni collaboratore esterno deve obbligatoriamente ma “liberamente” firmare. Tale accordo privato imposto dall’editore ha il solo obiettivo di svincolare l’azienda da ogni sorta di legame con il collaboratore che rimane dunque esterno all’azienda.
Per la legge formalmente tale lavoratore opera «in proprio» e «senza alcun vincolo di subordinazione».
Il collaboratore lavora «sulla base di singoli incarichi professionali di volta in volta conferiti». Non c’è rimborso spese, non ci sono ferie, riposo o diritti riconosciuti. I contratti imposti dalla parte più forte sono accordi stipulati «nella più ampia libertà e facoltà delle parti».
Seguendo pedissequamente il dettato contrattuale il collaboratore dovrebbe proporre un pezzo al giornale quando ne ha voglia, il giornale lo pubblica se ne ha voglia.
Il compenso al momento è cinque euro ad articolo.
Per chi non abbia assolutamente idea di come nasca un articolo diciamo che questo implica telefonate, spostamenti, ricerche, e di sicuro la perdita di un po’ di tempo. Cinque euro valgono per l’articolo creato in un’ora come per quello di mezza giornata.
Un articolo va sempre verificato: pensate che si possano effettuare sufficienti verifiche per 5 euro?
Fin qui potrebbe sembrare solo una storia di quotazione dell’operato del giornalista.

L’OBBLIGO SOTTINTESO

I problemi seri iniziano quando, sfruttando la legge, si riescono a creare interi giornali basandosi esclusivamente o per la maggior parte sul lavoro dei collaboratori. Con il non trascurabile vantaggio di costare molto poco al “padrone”.
Questo implica di fatto un lavoro quantitativamente e qualitativamente diverso del collaboratore che dovrà assicurare nella pratica un certo numero di articoli utilizzando un certo numero di ore della sua giornata.
Si crea così un certo “obbligo sottinteso” alla prestazione che si allontana dalla iniziale statuizione e si trasforma di fatto in un rapporto che dal punto di vista giuridico diventa in molti casi subordinato (che andrebbe regolato dal contratto nazionale dei giornalisti molto ma molto più costoso per l’editore).
Il vincolo c’è, la dipendenza pure, ma non si vedono a fine mese nella busta paga.

75% DELLA “REDAZIONE”

Oggi la percentuale dei collaboratori di un giornale si aggira intorno al 75%. Questo vuol dire che i giornalisti contrattualizzati sono appena il 25% dell’intero organico e di solito hanno compiti di coordinamento, di impaginazione, di verifica dei pezzi.
E per un collaboratore che liberamente deve fornire pezzi per riempire ogni giorno una porzione di pagina (a volte anche una pagina intera) la situazione diventa piuttosto complicata.
Non bisogna sottovalutare la componente psicologica ed umana di chi magari ama moltissimo questa professione e si sottopone per un certo periodo di tempo alla necessaria ed utile “gavetta”.
Molto spesso però tale periodo si allunga a dismisura occupando spesso un decennio, ma sono sempre di più chi può vantare una “gavetta” ventennale o più. L’unico problema diventa trovare… un lavoro per sopravvivere.
Per le tv locali le cose non vanno meglio: il ricorso ai giovanissimi di primo pelo (che non pretendono ma nemmeno assicurano professionalità) è sempre maggiore, così come a società esterne, troppo pochi i veri professionisti con regolare contratto di categoria che possono garantire la qualità del prodotto.
Ecco allora che il giornalismo fatto con queste logiche alle spalle pone seri problemi qualitativi del prodotto.

LA NOTIZIA INQUINATA

Se così stanno le cose si capisce quanto sia vitale trovarsi un “vero” lavoro che consenta poi di poter continuare “a scrivere sul giornale” perchè nessuno oggi è in grado di vivere dignitosamente con 300, 500 o 600 euro al mese.
Ecco perché si trovano firme note sui nostri giornali che di mestiere fanno il professore o l’impiegato.
Moltissimi “operatori part time dell’informazione” tuttavia rimangono nel campo e, sfruttando le nuove possibilità offerte da recenti normative, offrono la loro prestazione professionale creando servizi legati a quello che viene chiamato “ufficio stampa”.
“Fare l’ufficio stampa di” significa veicolare in sostanza il messaggio ai media di politici, enti, aziende, associazioni predisponendo comunicati stampa, organizzando conferenze stampa.
Cosa succede se lo stesso giornalista cura l’ufficio stampa di qualcuno e scrive anche sul giornale o lavora in tv?
La risposta più corretta è: dipende.
Esempio: se curo l’ufficio stampa della squadra di calcio di Montazzoli (Ch) e poi per il giornale curo la cronaca di Penne (Pe) è probabile che non vi siano problemi di nessun genere perché non vi sarebbero commistioni o conflitti.
Ma se, per esempio, sono il giornalista che cura l’ufficio stampa del partito X (dunque, pagato da questo partito) e scrivo sul giornale (pagato molto meno) di argomenti inerenti lo stesso partito, pensate forse che io possa mai scrivere in tutta serenità e obiettività?
E come pensate che possa essere il mio prodotto finale se per esempio devo informare i lettori del giornale o gli spettatori della tv della posizione del partito Y, contrario e opposto al mio (sempre quello che mi paga)?
In gergo si chiama conflitto di interesse e nuoce inevitabilmente alla salute della verità e della obiettività.
Infatti, la legge vieta questo genere di commistione esplicitamente.
Peccato che nessuno faccia rispettare la norma.
Chi dovrebbe controllare non sa e non vuole vedere (e poi perché impedire a giornalisti precari di portare alla fine del mese uno stipendio per sopravvivere dignitosamente?)

CI SONO DATORI DI LAVORO E DATORI DI LAVORO

Così abbiamo giornalisti che scrivono anche su quotidiani molto diffusi o in tv che vengono pagati per fare i portavoce di politici.
Saranno poi naturalmente prontissimi a “far passare” articoli sul giornale per il quale lavorano.
Poi ci sono quelli che sono “pagati dal sindaco” che li ha “assunti” e continuano a scrivere sul giornale, magari lavorano in tv o rivestono ruoli organizzativi per cui possono influire persino sul taglio da dare a certe notizie (tutte le notizie nei casi più estremi).
Siccome siamo un paese che non si fa mancare nulla possiamo vantare anche “direttori dopolavoristi” che, assunti magari dalla Regioni o dalle università, poi, in tutta obiettività, decidono le loro linee editoriali. Certo la cosa sarebbe molto più grave se si trattasse di tv regionali dalle grandi audience.
Ma in questo caso di precaria c’è solo la verità che inevitabilmente ne viene fuori visto che per eccezioni come queste vengono fuori compensi oltremodo dignitosi.
Sta di fatto che, capito il gioco, i politici (ma anche aziende, enti pubblici e non) hanno fatto a gara ad “accaparrarsi” le prestazioni delle firme più autorevoli (ma non contrattualizzati) per fare a volte anche giochi poco coretti.
Tutto ruota intorno ai “buoni rapporti” e alla simpatia e alle credenziali che il giornalista può giocarsi.
E ci sono giornalisti che lavorano per aziende, enti pubblici, organizzazioni e che di queste scrivono poi sui giornali chiamati ad essere obiettivi creando un numero enorme di conflitti e generando un groviglio di interessi inestricabile.
Come si può pretendere che il giornalista dell’ufficio stampa del Comune Z poi sia realmente obiettivo nel riportare le notizie sul giornale che riguardano la stessa amministrazione?
Casi di questo genere sono migliaia a tutti i livelli generati proprio da un sistema che non garantisce diritti al giornalista precario.
Spesso si tira fuori la trita tiritera su quale mai sia la ragione per cui non si fa più il giornalismo di inchiesta, quello che serve per davvero… vi è per caso balenata qualche ragione adesso?
Il massimo del parossismo si tocca quando, per esempio, tutti i “corrispondenti” dei maggiori organi di informazione locali siano dipendenti del Comune per cui scrivono “in cronaca”.
Quale tipo di informazione pensate ricevano gli abitanti di quel paesino o paesone?
E se manca la verità e l’obiettività manca quel controllo che il vero giornalismo è chiamato a fare scoperchiando quanto andrebbe per missione scoperchiato ed offrire uno strumento importante al cittadino, non fosse altro perché garantito dalla Costituzione.

IL SINDACATO

Chi tutela il giornalista precario?
Di fatto nessuno perché nessun organismo per legge può farlo (ma che Paese è mai questo?).
Il sindacato dei giornalisti, infatti, tutela solo chi ha sottoscritto il contratto nazionale (quello oneroso per gli editori e sempre più raro) un paradosso incredibile e non sanato che lascia del tutto indifesi l’esercito di centinaia e centinaia di giornalisti di fatto della nostra regione.
Ma soprattutto lascia campo libero agli editori con le inevitabili conseguenze sul prodotto alle quali abbiamo accennato.
Sensibile a questo problema, almeno a parole, è sembrata la Cgil che in quanto sindacato potrebbe intervenire per tutelare i diritti fondamentali di lavoratori e cittadini.
In questo scenario desolante ad avere buon gioco sono allora i politici e gli imprenditori, insomma i poteri forti, che di fatto possono influire in maniera diretta sulla informazione (e quello che abbiamo descritto è soltanto uno, la conseguenza della precarietà, ma ve ne sono moltissimi altri…).
Come si può ragionevolmente auspicare che le cose possano cambiare grazie a nuove norme necessarie e sacrosante?
Certo manca da sempre anche una vera organizzazione dei precari che vivono malissimo ma per loro c’è sempre spazio per peggiorare.
Eppure quanto potrebbe aiutare le persone oneste una stampa forte, onesta, che non si vende e non si presta, dignitosa e con «la schiena sempre dritta».
Forse è utopia ma pretendere che siano colmate enormi falle non chiamatela utopia.


CITAZIONE
Giornalisti collaboratori: 'resistere, resistere, resistere'

Eh già, a volte è veramente dura: cerchi notizie, cerchi persone, interviste ed interventi e poi.... e poi niente, resti sempre un collaboratore occasionale, senza alcun diritto, solo doveri.

La nota non vuol essere solo polemica (anche...) ma anche costruttiva. Il fatto è bisogna prendere il coraggio a quattro mani e denunciare questa situazione di 'stallo' che si verifica nelle redazioni dei quotidiani, almeno quelli principali.

Il giovane, intraprendente e voglioso di dimostrare quanto valga, non può in nessun caso considerare il giornalismo come un lavoro: in fondo al mese lo 'stipendio' è praticamente inesistente. Ma, tutto sommato, non è questo l'elemento più importante. In qualsiasi altro lavoro, infatti, sono richiesti periodi di prova, più o meno lunghi.

Il problema nasce quando il giovane si rende conto che, prima di poter entrare a far parte di una redazione vera e propria, con le conseguenti possibilità di arricchimento professionale, dovranno passare anni, durante i quali continuerà a mandare i pezzi via e-mail, senza toccare con mano come si 'vive' in una redazione, come si imposta una pagina, l'importanza dei titoli, ecc.

Fare una specie di sondaggio fra i collaboratori esterni delle testate servirebbe per capire quanto poco questi sappiano delle vera vita di redazione. Che tipo di formazione è questa? Quale esperienza può derivare dallo scrivere 'da casa'?

La consapevolezza del fatto che non può esserci posto per tutti gli aspiranti giornalisti c'è, eccome, ma è pur vero che con questo modus operandi non resta neanche la speranza di riuscire.

E questa è la strada più breve per decimare il numero degli aspiranti giornalisti, e decrementare la qualità del loro lavoro: meno proposte, meno alternative di scelta.

Concludo quindi parafrasando una espressione molto in voga in questo periodo, che vuol essere un incitamento per tutti gli aspiranti giornalisti che navigano questo sito: 'resistere, resistere, resistere', qualcosa, prima o poi, accadrà.
slash
CITAZIONE (MJ83® @ 7 Jan 2008 - 20:45) *
800€ al mese e come benefit potrei mettere la libertà di asoltare musica durante il lavoro, fumare la paglia quando mi pare, godere della piscina della villa in estate e vedere delle modelle che ogni tanto vengono nello studio a provare vestiti o fare servizi fotografici icon_pig.gif
Tutto questo se quest'anno mi rinnovano il contratto... sperem!

tra i benefit devi metterci che lavori con deus. 6.gif

CITAZIONE (Biggio @ 8 Jan 2008 - 00:32) *
LOL per 400€ piuttosto mi gratto sanamente i coglioni a letto videochiamando il datore di lavoro LOL!!!!! O_____________O

biggio devi capire che non è molto gratificante che uno si faccia un mazzo e tu dica così.

cmq ci son lavori dove in genere 2 anni son non pagati o pagati poco,credevo lo sapessi
freespiritinevery1
CITAZIONE (Boris @ 8 Jan 2008 - 13:02) *
a quanto pare lui è l'unico che supra la quota "2" e lavora a dublino

ma qualcuno di voi sarebbe disposto a viaggiare o cambiare citta ogni 2-3 anni o lavorare all'estero per fare carriera? io per ora non ho il problema di dover lavorare devo prima finire il +2 di inge, ma poi una volta laureato penso che ci farei un pensierino a provare a spostarmi per trovare un lavoro che mi soddisfa di +

sto finendo l'univ per fortuna. dall'anno prossimo avrei già una bazza per lavorare all'estero.
sarei empre in giro, australia,nuova zelanda,argentina, ecc ecc...

la cosa è bellissiam in se, ti pagano cifre esorbitanti, però è iper stressante, e la vita sociale sparisce.
da certi punti di vista direi subito di si, altri però mi mettono un pò sull'altolà...

boh...mal che vado lo faccio per un anno due, almeno è esperienza che conta.
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.
Invision Power Board © 2001-2019 Invision Power Services, Inc.