IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

Registrati per comunicare con gli altri e per accedere a tutte le altre funzionalità del sito!
Per qualsiasi info scrivi a staff [AT] ferraraforum [PUNTO] it.


NOTA Il forum è offline ormai da parecchi anni, rimane online solo per archivio. Per informazioni contattare guidopotena@gmail.com

2 Pagine V   1 2 >  
Reply to this topicStart new topic
> Situazione Nelle Carceri Italiane, La Giustizia allo sfascio si ripercuote sulle carceri del Belpaese
Roby-oppà
messaggio 19 Nov 2009 - 19:03
Messaggio #1


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



1 su 1000 nelle carceri italiane si suicida (altissime pure le statistiche sul personale penitenziario): che ci sia qualche cosa che non va? (la domanda è retorica) Il dato è ancora più grave se consideriamo che molti di loro erano presunti innocenti in quanto in attesa di giudizio. Anche in Francia coi suicidi stanno sui nostri livelli... la differenza sta però nel fatto che FUORI dal carcere il loro tasso di suicidio è tre-quattro volte il nostro (quindi nelle nostre carceri il tasso di suicidio è 3-4 volte quello francese se li raffrontiamo entrambi ai tassi di suicidio relativi alla popolazione non ristretta).
Il caso Cucchi ha fatto emergere sui media ciò che i ben informati sapevano da ANNI. Speriamo che la cosa (sui media) duri visto che la Politica di concreto in queste settimane ha giusto giusto fatto una nuova proposta di "legge ad personam" (a voler pensar male s'intende, non faccio un processo alle intenzioni ma quella legge a detta di molti giuristi è fatta coi piedi ma, guarda caso, benissimo dal punto di vista dell'"utilità ad personam") e, quindi, senza una forte presa di coscienza individuale e collettiva ci metterà i soliti tempi italiani per combinare qualcosa... questa volta di buono si spera.


CITAZIONE (TelevideoRAI)
19/11/2009 18:53
Suicida in carcere a Palmi, indagini


La Procura di Palmi (Reggio Calabria) indaga sul suicidio di un detenuto che
si è tolto la vita ignorando che l'avvocato aveva ottenuto la scarcerazione.
Il provvedimento di scarcerazione era giunto 24 ore prima negli uffici del
carcere,ma non gli era stato notificato.

L'uomo era stato condannato lo scorso anno per furto a 4 anni e 5 mesi.Andati
a vuoto i tentativi per ottenere i domiciliari, il detenuto, disperato, si è
ucciso con il fornellino del gas: non sapeva che erano le sue ultime ore in
carcere.


Messaggio modificato da Roby-oppà il 13 Aug 2010 - 23:31
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 11 Dec 2009 - 13:52
Messaggio #2


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



16 anni, orfano, vittima del proibizionismo e delle carceri italiane


Rudra Bianzino ha raccontato la drammatica vicenda che ha coinvolto lui e la sua famiglia. Rudra, studente liceale, sedicenne, è rimasto solo, senza padre, senza madre.

Il racconto di Rudra Bianzino:
http://www.youtube.com/watch?v=eNBq1h9lKxw

Il racconto della vedova, ora defunta, Bianzino dalla trasmissione "Le Iene":

http://www.youtube.com/watch?v=TsXREOj7Aaw

Il padre, Aldo, nonviolento, artigiano, amante della natura, è morto nella notte tra il 13 e il 14 ottobre 2007 in circostanze ancora da chiarire, poche ore dopo l'arresto per coltivazione e detenzione di marijuana. Le cronache parlarono inizialmente di decesso per un malore naturale. Ben presto, si capì, però, che forse le cose erano andate diversamente.

Un primo esame mise in evidenza lesioni agli organi interni, presenza di sangue in addome e pelvi, lacerazione epatica, lesioni all'encefalo, a fronte di un aspetto esterno indenne da segni di traumi. Una seconda autopsia, del novembre 2007, accreditò la tesi della rottura di un aneurisma cerebrale. Pur accettando l'ipotesi del medico legale, si affermò che l'emorragia cerebrale potesse essere stata causata da un forte stress di tipo fisico con improvviso rialzo della pressione.

Prima di ascoltare la testimonianza di Rudra, al congresso radicale è stato proiettato un video con un'intervista delle Iene alla madre, Roberta Radici. E' probabilmente l'ultimo documento lasciatoci dalla compagna di Aldo. Il dolore ha, infatti, infierito sul suo corpo già malato. Roberta non ce l'ha fatta. Si è spenta affidando a noi l'impegno a chiedere verità e giustizia sulla morte di Aldo.

Oggi Emma Bonino, Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, al presidio davanti al tribunale di Perugia per chiedere che venga fatta piena luce sulla morte di Aldo Bianzino. La mobilitazione, fissata per le 8:30, é organizzata dai Radicali italiani e dal comitato "Verità e giustizia per Aldo" con la partecipazione degli amici di Beppe Grillo di Perugia.

C'é un filo rosso che lega il caso di Aldo Bianzino a quello di Stefano Cucchi, entrambi morti in carcere a causa del proibizionismo. Entrambi i casi dimostrano come il proibizionismo sia il vero crimine di questo paese perché affolla le carceri, crea vittime innocenti, come Rudra.

Vorrei il tuo aiuto per far diventare questo caso nazionale, per chiedere che si parli di proibizionismo, malagiustizia e sovraffollamento delle carceri.



basato su di una lettera di Mario Staderini (R.I.).

l'appello a sostegno di Rudra Bianzino: http://www.radicali.it/appello_bianzino/form.php

Caso Bianzino vietato il silenzio - da L'Unità del 11 dicembre 2009: http://www.radicali.it/view.php?id=150542 (di Luigi Manconi)
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 17 Dec 2009 - 17:13
Messaggio #3


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



Rudra Bianzino, orfano


CITAZIONE (www.radicali.it)
Inchiesta su caso Bianzino archiviata, Bonino, Pannella e Bernardini: la decisione è grave perchè non sarà possibile fare luce su alcuni lati oscuri della vicenda, a cominciare dalle due autopsie che poco dopo il decesso hanno..

16 dicembre 2009

...dato due diversi esiti

Dichiarazione di Emma Bonino, Marco Pannella e Rita Bernardini:
Con l'archiviazione dell'inchiesta, da parte del Tribunale di Perugia, del caso di Aldo Bianzino, morto in circostanze misteriose nel carcere di Perugia la notte tra il 13 e il 14 ottobre 2007 dopo 36 ore dal suo arresto, sarà praticamente impossibile fare luce su una vicenda che ha molti lati oscuri. A cominciare dagli esiti discordanti delle due autopsie che furono fatte immediatamente dopo il decesso: infatti il primo esame autoptico escluse patologie cardiache pregresse e mise invece in evidenza lesioni agli organi interni, presenza di sangue nell'addome e pelvi, lacerazione epatica, lesioni all'encefalo, a fronte di un aspetto esterno indenne da segni di traumi; un secondo esame autoptico, del novembre 2007, accreditò la tesi della rottura di un aneurisma cerebrale. Furono sempre riscontrate lesioni epatiche e la presenza di sangue nell'addome. Pur accettando l'ipotesi del medico legale, si affermò che l'emorragia cerebrale potesse essere stata causata da un forte stress di tipo fisico con improvviso rialzo della pressione. Le conseguenze di questo decesso in carcere sono state drammatiche per la famiglia di Aldo Bianzino, pochi mesi dopo la suocera di Aldo morì e da pochi mesi è morta di dolore anche la compagna Roberta. Il figlio Rudra, minorenne, rimasto solo con lo zio Ernesto, si trova ora senza nonna e genitori. Ci sorprende questa decisione del Tribunale di Perugia, cercheremo di capire cosa ha spinto i magistrati a questa decisione dell'archiviazione che era già stata proposta in altre due occasioni. Saremo al fianco del nostro compagno, iscritto a Radicali Italiani, Rudra Bianzino che al nostro ultimo Congresso ci chiese di aiutarlo nella ricerca della verità di quanto accaduto a suo padre Aldo.
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 18 Mar 2010 - 15:44
Messaggio #4


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



La Commissione D'Inchiesta parlamentare ha appurato come Stefano Cucchi sia stato effettivamente brutalmente pestato in carcere sebbene le lesioni procurate non siano state la causa diretta della sua morte.

Cucchi ha perso in meno di una settimana 10 kg di peso in seguito ad uno sciopero totale della fame e della sete ad oltranza intrapreso per denunciare i diritti che gli stavano venendo negati fra cui il vedere un suo legale. I medici del carcere-ospedale Pertini (mai dedica fu più inappropriata per un simile luogo) non avrebbero impedito la lenta agonia del ragazzo che poi l'ha portato alla morte nella sua battaglia nonviolenta per rivendicare il rispetto dei diritti che gli spettavano per Legge.

Secondo la Commissione risulterebbe evidente come i medici, probabilmente per alleggerire la loro posizione penale in vista di una denuncia certa che sarebbe stata rivolta contro di loro, avrebbero messo in scena la rianimazione del ragazzo 3 ore dopo la morte.

Sul referto hanno mascherato la morte come "morte naturale".

Questo succede nelle carceri italiane. piero.gif


Stafano Cucchi dopo il pestaggio subito mentre era sotto la tutela dello Stato Italiano

Messaggio modificato da Roby-oppà il 18 Mar 2010 - 15:49
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 20 Mar 2010 - 16:43
Messaggio #5


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



dall'articolo "Ucciso come Stefano Cucchi. Prima le sevizie, poi la morte"

Giuseppe Uva è stato fermato alle 3a.m. in stato di ebbrezza da una volante dei Carabinieri e trasportato in una caserma contemporaneamente ad un altro fermato nella stessa notte, un suo amico.
I due amici vengono mantenuti separati in caserma e per un lunghissimo lasso di tempo si sentono chiaramente le urla di Uva provenienti da una stanza in cui era stato rinchiuso con numerosi carabinieri e poliziotti. L'amico grida ai presenti di smettere di massacrare Uva e viene minacciato di subire la stessa sorte. Verso le 4 l'amico riesce a chiamare il 118 col suo cellulare.
Alle 5 del mattina i carabinieri richiedono per Uva un TSO (trattamento sanitario obbligatorio; spesso, non dico in questo caso, come si apprende dalle testimonianze trasmesse su RadioCarcere ( http://www.radioradicale.it/scheda/299656 ), trattamenti sanitari obbligatori o periodi di detenzione in OPG, ospedale psichiatrico giudiziario [ciò che permane ancora nella nostra società, nonostante la Legge Basaglia, dei vecchi e cari manicomi: non vedere per non sentire, non sentire per non sapere], vengono richiesti per punire soggetti detenuti a cui si vuole dare "una lezione", anche se questi non hanno alcun problema psichiatrico; sono infatti trattamenti spesso umilianti e centri dove la vita è ancora più non degna di essere vissuta di un carcere. C'è chi è stato punito per oltre un anno passato in cubicoli con persone non sane di mente dicendo che quando entri da sano in un simile posto è poi facile uscirci con forti traumi psicologici) nonostante sia alquanto singolare che una persona ubriaca venga sottoposta ad un trattamento che dovrebbe essere riservato esclusivamente a persone con problemi psichici (venne richiesto un simile trattamento ad esempio alla ragazza che saltò addosso al corteo del Papa in San Pietro durante le scorse feste natalizie). Alle 10:30 Uva muore nel reparto psichiatrico dell'ospedale in cui è stato internato.

Dagli esami tossicologici risulta come gli siano stati somministrati farmaci, fra cui psicofarmaci, TASSATIVAMENTE controindicati in caso di assunzione di alcool. L'arresto cardiaco è stato provocato da questo "errore".

La salma di Uva è stata trovata supina e senza vestiti, con ecchimosi sul naso, sul collo, che proseguivano su tutta la schiena; di queste lesioni non v'è traccia nel verbale di accettazione nell'ospedale.
Dal verbale si apprende che Uva era privo di slip e che i suoi vestiti della parte inferiore del corpo erano intrisi di sangue. Vistosa macchia di liquido rossastro fra il pube e la zona anale: segni di sevizie subite durante il fermo?
A distanza di 21 mesi dalla morte di Uva risultano indagati esclusivamente due medici mentre si è proceduto per ignoti per le violenze nonostante il fatto che i nomi del personale che era in caserma nella notte del pestaggio siano noti.


articoli: http://www.unita.it/news/italia/96401/ucci...ie_poi_la_morte
http://www.beppegrillo.it/2009/11/giuseppe...a_di_stato.html
http://www.repubblica.it/cronaca/2010/03/2...taggio-2778623/



Giuseppe Uva, morto mentre era sotto la tutela dello Stato Italiano
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 23 Apr 2010 - 14:43
Messaggio #6


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



CITAZIONE (Roby-oppà @ 18 Mar 2010 - 16:44) *
La Commissione D'Inchiesta parlamentare ha appurato come Stefano Cucchi sia stato effettivamente brutalmente pestato in carcere sebbene le lesioni procurate non siano state la causa diretta della sua morte.


Caso Cucchi, Poretti (PD-Radicali): il buon lavoro della Commissione del Senato rischia di andare in fumo e di... intralciare la Giustizia: http://www.radicali.it/view.php?id=156206


Alcuni passaggi del comunicato:

"La paura della trasparenza e la mancata collaborazione con la Procura della Repubblica rischiano di mandare in fumo il buon lavoro della Commissione del Senato sul caso Cucchi. Di cosa ha paura la maggioranza nel non voler mandare in Procura e rendere pubblici gli atti?"

"Si seminano dubbi, perplessita', si alzano fumi per nascondere non e' chiaro cosa."

"Vediamo i fatti e ricostruiamo gli eventi": "A pochi giorni dalla morte del signor Stefano Cucchi la Commissione d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale del Senato presieduta dal senatore Ignazio Marino decide di aprire una inchiesta sulla vicenda. La commissione nel giro di poche settimane riesce ad audire praticamente tutto il personale medico, sanitario e che a vario titolo ha incontrato Cucchi dopo l'arresto. I tempi per arrivare alla conclusione dell'indagine si allungano solo per i tempi della perizia dell'autopsia necessaria per capire le cause della morte, le altre responsabilita' emergono fin da subito e chiare. Vengono, infatti auditi subito i medici del Fatebefratelli e di Regina Coeli, come pure il medico della Cittadella Giudiziaria e i paramedici del 118 chiamati subito dopo l'arresto dai Carabinieri, e ovviamente i medici e il personale del Pertini. Le prime audizioni del 6 e 11 novembre sono pubbliche, ma in realta' non accessibili visto che i tempi della pubblicazione online sul sito del Senato dei resoconti stenografici non sono immediati come per l'aula. Il 12 novembre arriva la richiesta di Radio Radicale di registrare e mandare in onda le audizioni dei medici del Pertini, i membri della commissione, con la mia sola contrarieta', decidono per la secretazione dei lavori anche delle sedute precedenti, decidono infine di rimandare la decisione se rendere tutto di nuovo pubblico solo al termine dell'indagine. Anche del dibattito di oltre un'ora sulla pubblicita' dei lavori non c'e' traccia, vengono redatte solo due righe con la decisione finale: tutto secretato. Il 4 dicembre 2009 arriva una richiesta da parte della Procura della Repubblica di avere tutta la documentazione raccolta dalla Commissione e degli atti esperiti, quindi anche delle audizioni. La commissione il 22 dicembre decide di consegnare tutto il materiale acquisito e ottenuto con sopralluoghi dei Nas, ma il solo elenco dei nomi degli auditi,
riservandosi un eventuale invio dei resoconti delle audizioni solo a conclusione dell'inchiesta parlamentare e a seguito delle deliberazioni sul regime definitivo di pubblicita' degli atti.
"

"Il 17 marzo la commissione, in seduta pubblica, vota all'unanimita' la relazione finale sul caso Cucchi in cui si auspica che la Procura chiarisca le responsabilita' penali delle lesioni e della inadeguata assistenza sanitaria." "vengono sollevate perplessita' sull'invio in Procura di tutto il materiale e della pubblicita' dei lavori della commissione. Interviene in particolare il senatore del Pdl Michele Saccomanno chiedendo di rimandare ad altra data la decisione."

"Si arriva alla data del 21 aprile. La seduta e' pubblica, ma ancora una volta occorrera' aspettare settimane prima che il resoconto stenografico sia disponibile."

"Nel dibattito a favore della pubblicita' dei lavori e dell'invio in Procura degli atti, oltre alla sottoscritta si sono infatti espressi anche i senatori del Pd Albertina Soliani, Franca Biondelli, Vincenzo Galioto, il capogruppo dell'Idv Alfonso Mascitelli e la senatrice di Io Sud Adriana Poli Bortone. Resteranno agli atti le perplessita' e i dubbi dei senatori del Pdl Salvatore Mazzaracchio e Luigi D'Ambrosio Lettieri. La commissione con nove esponenti di opposizione, anche se ancora in presenza del numero legale per votare, si trova in evidente difficolta': il Pd per bocca del suo capogruppo aveva accettato di rimandare la decisione come proposto dalla maggioranza. Il presidente, quindi, non procede nella votazione e decide di rimandare ancora di una settimana una decisione dopo che ciascuno avra' fatto gli approfondimenti politici e giuridici."
Go to the top of the page
+Quote Post
DinDon
messaggio 29 Apr 2010 - 23:33
Messaggio #7


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 892
Iscritto il: 12 September 2008
Età: 36
Da: Ferrara
Utente Nr.: 4445



http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=...%20in%20caserma

A Ferrara continuano a pestare le persone...complimenti serio.gif


--------------------
“Nel buio, tutti i gatti sono leopardi.” - Proverbio africano
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 30 Apr 2010 - 10:32
Messaggio #8


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



La commissione d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale ha desecretato tutti i documenti e le audizioni in merito al caso di Stefano Cucchi.
In fase di voto è emersa la contrarieta' di alcuni deputati del Pdl guidati dalla senatrice Laura Bianconi e dal senatore Michele Saccomanno. La Lega Nord si e' astenuta, solo sei senatori del Pdl hanno votato contro, gli altri non si sono presentati alla votazione. Dieci i voti a favore (Pd, Idv, Io Sud).

comunicato: http://www.radicali.it/view.php?id=156401

Messaggio modificato da Roby-oppà il 30 Apr 2010 - 10:32
Go to the top of the page
+Quote Post
Bedrosian Baol
messaggio 30 Apr 2010 - 11:17
Messaggio #9


Neso
Gruppo icone

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 2272
Iscritto il: 13 November 2008
Età: 34
Da: Pitcairn Island
Utente Nr.: 4814



CITAZIONE
A Ferrara continuano a pestare le persone...complimenti


Ancora non si sa niente, ancora non c'è nessuno scritto nel libro degli indagati e tu sei già qui che fai i complimenti come se li avessi automaticamente dati per colpevoli. Ma aspetta un attimo, per Giove!

Che fretta hai di mettere alla berlina dei carabinieri di cui ancora non si sa nulla? Non vorrai mica fare come quelli che prendono una notizia subito come verità? Faresti il gioco di questa informazione tendenziosa...


--------------------
Non sono stato mai fermo e per questo sono stato Maifermo
Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l'ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto. (MJ)
Go to the top of the page
+Quote Post
MoneFromFrara
messaggio 30 Apr 2010 - 11:28
Messaggio #10


Super Member
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 3171
Iscritto il: 24 May 2005
Età: 36
Da: Frara
Utente Nr.: 126




più che altro.. "a FERRARA continuano". cosa credi, che accada solo nella nostra questura? ingenua.


--------------------

se intal condominio a ghe un can, al dventa un candominio.
Go to the top of the page
+Quote Post
zoe
messaggio 30 Apr 2010 - 11:32
Messaggio #11


Figazz
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 1350
Iscritto il: 28 January 2008
Età: 35
Utente Nr.: 3418



me lo immaginavo.
appena ho letto la notizia.
mi aspettavo il tipico commento contro i carabinieri.

sia chiaro non sono dalla loro parte,solo che non si può parlare senza sapere niente.

Messaggio modificato da zoe il 30 Apr 2010 - 11:36


--------------------
Have another little piece of my heart now, baby...
Go to the top of the page
+Quote Post
DinDon
messaggio 30 Apr 2010 - 11:59
Messaggio #12


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 892
Iscritto il: 12 September 2008
Età: 36
Da: Ferrara
Utente Nr.: 4445



Ho scritto "a Ferrara continuano" perchè non è certo il primo caso qui, ovvio che succede anche in altre caserme.

E si, faccio i complimenti, perchè il filmato è ripreso interamente, la violenza e il pestaggio si vedono chiaramente, chi lo attua è un carabiniere, che al momento è indagato.
Hai visto il video, almeno?

Ecco, io si.
Ci sono tanto di manganelli e di carabinieri.
Quindi, smettiamola di difenderli a prescindere.
Io non accuso l'intera arma dei carabinieri, mai fatto e non ce ne sarebbe motivo.
Ma le teste calde che fanno questi gesti si, e non possiamo far finta di nulla solo perchè hanno una divisa. Il loro dovere è far rispettare le leggi, ma non con la violenza lì dove non è necessaria.
Tanto lo vediamo che fine fanno...i ragazzi muoiono a suon di botte botte e loro lì senza scontare nulla (e di casi del genere ce ne sono anche troppi).

Messaggio modificato da DinDon il 30 Apr 2010 - 12:13


--------------------
“Nel buio, tutti i gatti sono leopardi.” - Proverbio africano
Go to the top of the page
+Quote Post
zoe
messaggio 30 Apr 2010 - 12:24
Messaggio #13


Figazz
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 1350
Iscritto il: 28 January 2008
Età: 35
Utente Nr.: 3418



link video?


--------------------
Have another little piece of my heart now, baby...
Go to the top of the page
+Quote Post
Bedrosian Baol
messaggio 30 Apr 2010 - 13:13
Messaggio #14


Neso
Gruppo icone

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 2272
Iscritto il: 13 November 2008
Età: 34
Da: Pitcairn Island
Utente Nr.: 4814



CITAZIONE
Hai visto il video, almeno?


Si e allora? Cosa ne sai che è un video autentico? Sai qualcosa relativo alle indagini? C'è stata una fuga di notizie? Hai gli strumenti per dire chi sono i carabinieri nel filmato? Sai per certo che è una caserma?

Ecco allora, aspetta a parlare.


--------------------
Non sono stato mai fermo e per questo sono stato Maifermo
Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l'ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto. (MJ)
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 1 May 2010 - 15:36
Messaggio #15


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



CITAZIONE (zoe @ 30 Apr 2010 - 13:24) *
link video?
http://www.abuondiritto.it/

CITAZIONE (Bedro)
Cosa ne sai che è un video autentico? Sai qualcosa relativo alle indagini? C'è stata una fuga di notizie? Hai gli strumenti per dire chi sono i carabinieri nel filmato? Sai per certo che è una caserma?
Scusa se te lo dico Bedro ma una simile lista di dubbi non l'avevo vista dai tempi della pubblicità di Ronaldinho che con delle scarpe di nuova generazione avrebbe colpito consecutivamente (senza mai sbagliare) non so quante volte la traversa dal limite dell'area di rigore.

http://www.youtube.com/watch?v=u8SIJjQJ6lE

icon_smile.gif


Perchè non dovrebbe essere il filmato della telecamera di sicurezza della caserma? E perchè se non lo fosse l'avvocato dell'agente sospettato di aver commesso un pestaggio non avrebbe sollevato i tuoi dubbi? Non mi pare che l'avvocato abbia messo in dubbio l'autenticità del filmato.

Inoltre mi chiedo come tu possa meravigliarti del fatto che una che vede al TG una simile notizia si indigni e esprima il suo schifo e timore per l'n-esimo abuso violento da parte delle f.d.o. come ha fatto DinDon. Ora vedremo come si evolverà la vicenda, certo, ma davanti ad un simile filmato non ti meravigliare se decine di migliaia di persone (faccio per dire, magari sono diversi milioni, non importa) in Italia si incazzano.


Poi sul non fare processi popolari sommari al di fuori dei tribunali siamo tutti d'accordo ma il negare le evidenze quando si tratta di forze dell'ordine dalla parte dei sospettati va messo sullo stesso piano di chi nello stesso caso spara a zero sulle forze dell'ordine dato che molti lo interpreteranno come una volontà di coprire gli abusi di potere e gli eccessi di violenza da parte delle forze dell'ordine (la storia italiana, anche recentissima, ci insegna che c'è già chi da parte delle Istituzioni lo fa ottimamente, non credo abbiano bisogno di aiuti ulteriori.... icon_smile.gif ). A che pro difendere a prescindere le mele marce? Sollevi dubbi che al momento non ha sollevato neanche l'avvocato dell'agente... Poi ripeto, vedremo se ci sono stati o meno gli abusi ma non si può pretendere che tutti neghino che quel filmato mostra chiaramente delle violenze contro delle gente inerme e in condizione di forte inferiorità numerica. Aggiungo inoltre che quegli atti sembrano durare ben più di 5 minuti considerando che mancano tantissimi fotogrammi (quindi un secondo del filmato corrisponde ad un tempo molto più lungo: il fimato dura 2-3 minuti ma il pestaggio per questa ragione potrebbe esserne durati 5 o 6).

Messaggio modificato da Roby-oppà il 1 May 2010 - 16:39
Go to the top of the page
+Quote Post
DinDon
messaggio 2 May 2010 - 18:49
Messaggio #16


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 892
Iscritto il: 12 September 2008
Età: 36
Da: Ferrara
Utente Nr.: 4445



Roby mi ha preceduta, comunque si, il video è autentico (telecamere di sorveglianza della caserma), si vedono perfettamente i carabinieri, uno di essi è ufficialmente indagato.

Tant'è che sui giornali è apparsa anche l'intervista ai due avvocati difensori sisi.gif


--------------------
“Nel buio, tutti i gatti sono leopardi.” - Proverbio africano
Go to the top of the page
+Quote Post
tabacon
messaggio 8 May 2010 - 16:27
Messaggio #17


Pòch ad bòn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 580
Iscritto il: 1 July 2008
Utente Nr.: 4137



la sinistra è stata al governo, quindi anche i radicali, di recente e per due anni e mezzo (Prodi), ma mi pare che sull'argomento non abbiamo fatto molto, direi niente, o sbaglio?..... naturamente la mia è una provocazione.

mi viene però un dubbio: che sia perchè quando sono al governo gli fa comodo cosi? e quando sono all'opposizione lo possono usare per propaganda?

ho letto di uno, che condivido, che parlando della Senatrice Giuliani diceva:.... è al governo, quindi per legiferare, invece partecipa a manifestazioni, dibattiti, ecc. ecc. sulle forze dell'ordine, cambiare le cose è troppo difficile?.... com'è strana la politica....
Go to the top of the page
+Quote Post
Bedrosian Baol
messaggio 22 Jun 2010 - 08:38
Messaggio #18


Neso
Gruppo icone

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 2272
Iscritto il: 13 November 2008
Età: 34
Da: Pitcairn Island
Utente Nr.: 4814



C.V.D.

Il Giudice ha dato alle "vittime" dell'aggressione una condanna addirittura più aspra di quanto chiesto dal PM.
Si profila l'archiviazione per i carabinieri perchè il video, le testimonianze e le perizie mediche non combaciano con le dichiarazioni dei quattro fermati.

Avete giudicato troppo frettolosamente. Ora sarebbe bello che si desse alla notizia lo stesso risalto nazionale che è stato dato allo scandalo del video.

In ogni caso trovate tutto qui.


--------------------
Non sono stato mai fermo e per questo sono stato Maifermo
Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l'ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto. (MJ)
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 22 Jun 2010 - 14:22
Messaggio #19


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



Dall'articolo di estense.com:

CITAZIONE
i ragazzi arrestati dissero all’avvocato d’ufficio, Barbara Simoni,
i ragazzi arrestati dissero all’avvocato d’ufficio, Barbara Simoni,
i ragazzi arrestati dissero all’avvocato d’ufficio, Barbara Simoni,
i ragazzi arrestati dissero all’avvocato d’ufficio, Barbara Simoni,
i ragazzi arrestati dissero all’avvocato d’ufficio, Barbara Simoni,
i ragazzi arrestati dissero all’avvocato d’ufficio, Barbara Simoni,
i ragazzi arrestati dissero all’avvocato d’ufficio, Barbara Simoni,



Secondo voi Berlusconi e Andreotti se si fossero difesi con l'avvocato d'ufficio si sarebbero salvati dai processi in cui si sono andati a cacciare con il loro operato e avrebbero ottenuto tutte quelle prescrizioni?

Anche Cucchi venne assistito da un avvocato d'ufficio. Questo perchè pare che non gli diedero mai occasione per contattare la famiglia e il suo avvocato. Un avvocato non d'ufficio ma d'esperienza, pagato dalla famiglia Cucchi. L'avvocato d'ufficio che lo Stato diede al Cucchi è emerso come non abbia saputo ottenere diversi benefici che un avvocato ordinario di media bravura avrebbe facilmente ottenuto.
Voi vi fareste difendere da un avvocato d'ufficio potendone cercare in alternativa uno di vostra fiducia? Generalmente gli extracomunitari finiti in gabbia sono tutti difesi da avvocati d'ufficio.


P.S. Quando avrò tempo risponderò ai messaggi intercorsi fra questo e il mio ultimo messaggio in questo topic visto che non li ho mai letti.
P.P.S. Tecnicamente il caso dei 4 ragazzi manganellati in caserma postato da DinDon qui è Off Topic. Non ha quasi niente a che vedere con l'attuale situazione di illegalità delle carceri italiane dovuta al menefreghismo di quasi tutta la classe politica italiana. Del "piano carceri Alfano" non si sa più niente. Del decreto emergenziale per evitare il tracollo estivo delle carceri italiane non si parla più, dopo che il PD e l'IDV non hanno lavorato in parlamento per far passare le misure che erano state messe ai voti. Non hanno nemmeno fatto mettere ai voti qualcosa di alternativo. Negli ultimi 15 giorni si sono suicidati 2-3 detenuti. La popolazione carceraria aumenta di un migliaio di unità al mese e fra qualche giorno la temperatura diventerà africana.

lista aggiornata a mercoledì 16 giugno 2010 (sito di riferimento: METILPARABEN)
CITAZIONE
1. Pierpaolo Ciullo, 39 anni - 2 gennaio - carcere di Altamura, asfissia con gas;
2. Celeste Frau, 62 anni - 4 gennaio - carcere Buoncammino di Cagliari, impiccagione;
3. Antonio Tammaro, 28 anni - 7 gennaio - carcere di Sulmona, impiccagione;
4. Giacomo Attolini, 49 anni - 8 gennaio - carcere di Verona, impiccagione;
5. Abellativ Sirage Eddine, 27 anni - 14 gennaio - carcere di Massa, impiccagione;
6. Mohamed El Aboubj, 25 anni - 16 gennaio - carcere S. Vittore di Milano, asfissia con gas;
7. Ivano Volpi, 29 anni - 20 gennaio - carcere di Spoleto, impiccagione;
8. Detenuto tunisino, 27 anni - 22 febbraio - carcere di Brescia, impiccagione;
9. Vincenzo Balsamo, 40 anni - 23 febbraio - carcere di Fermo, impiccagione;
10. Walid Aloui, 27 anni - 23 febbraio - carcere di Padova, impiccagione;
11. Rocco Nania, 42 anni - 24 febbraio - carcere di Vibo Valentia, impiccagione;
12. Roberto Giuliani, 47 anni - 25 febbraio - carcere di Rebibbia (Roma), impiccagione;
13. Giuseppe Sorrentino, 35 anni - 7 marzo - carcere di Padova, impiccagione;
14. Angelo Russo, 31 anni - 10 marzo - carcere di Poggioreale a Napoli, impiccagione;
15. Detenuto italiano, 47 anni - 27 marzo - carcere di Reggio Emilia, asfissia on gas;
16. Romano Iaria, 54 anni - 3 aprile - carcere di Sulmona, impiccagione;
17. Carmine B., 39 anni - 7 aprile - casa circondariale di Benevento, impiccagione;
18. Detenuto italiano, 40 anni - 11 aprile - casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, asfissia con gas;
19. Daniele Bellante, 31 anni - 13 aprile - carcere di Rebibbia a Roma, impiccagione;
20. Giuseppe Palumbo, 34 anni - 23 aprile - carcere di Firenze, impiccagione;
21. Gianluca Protino, 34 anni - 26 aprile - carcere di Teramo, impiccagione;
22. Eraldo De Magro, 57 anni - 6 maggio - carcere di Como, impiccagione;
23. Vasiline Ivanov Kirilov, 33 anni - 8 maggio - carcere di San Vittore a Milano, impiccagione;
24. Domenico Franzese, 45 anni - 16 maggio - carcere Cavadonna di Siracusa, impiccagione;
25. Aldo Caselli, 44 anni - 20 maggio - carcere di Reggio Emilia, impiccagione;
26. Detenuto extracomunitario, 30 anni - 29 maggio - carcere di Lecce, impiccagione:
27. Alessandro Lamagna, 34 anni - 6 giugno - carcere di Salerno, impiccagione;
28. Francisco Caneo, 48 anni - 12 giugno - carcere Opera di Milano, impiccagione;
29. Luigi Coluccello, 34 anni - 15 giugno - carcere di Lecce, impiccagione;
30. Gaetano Di Marco, 43 anni - 15 giugno - carcere Bicocca di Catania, asfissia con gas.


Buona camicia a tutti! 00000002.gif

Messaggio modificato da Roby-oppà il 22 Jun 2010 - 14:46
Go to the top of the page
+Quote Post
Bedrosian Baol
messaggio 22 Jun 2010 - 14:43
Messaggio #20


Neso
Gruppo icone

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 2272
Iscritto il: 13 November 2008
Età: 34
Da: Pitcairn Island
Utente Nr.: 4814



Quello che tu dici sugli avvocati d'ufficio è vero. Però, per lo stesso ragionamento, oltre ad uno scadente avvocato difensore, a questo processo ha preso parte anche un PM altrettanto scadente. Se si considera la netta presa di posizione del giudice sulla questione comminando una pena più dura di quella richiesta, non si può non considerare come effettivamente agli occhi del giudice deve essere parsa più nitida la colpevolezza dei 4 rispetto a quanto non sia apparsa al PM che doveva perorarla...


--------------------
Non sono stato mai fermo e per questo sono stato Maifermo
Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l'ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto. (MJ)
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 22 Jun 2010 - 14:59
Messaggio #21


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



Di questo caso non so quasi nulla nè ho mai scritto nulla di articolato in passato. Ho solo visto il filmato al TG3 e sentito una rapida descrizione del caso in quel servizio (fra cui le affermazioni ai giornalisti dei difensori degli imputati membri delle f.d.o.), ho poi postato qui il link al filmato completo in cui mi sembrava evidente ciò che si vedeva.

Se avessi scritto per primo di questo fatto non lo avrei fatto qui visto che tecnicamente è OT.

Anche ora ho solo constatato che quei 4 si sono fatti difendere da un avvocato d'ufficio, non ho altro da dire perchè come ho detto non ho seguito la cosa. La volta in cui Berlusconi lasciò andare l'avvocato d'ufficio (una ragazza sui 30 anni che non aveva esperienza) ad un'udienza, tutta la stampa ne parlò perchè la cosa stride alquanto (gli avvocati d'ufficio non vengono considerati il massimo per difendersi, chissà perchè.... piero.gif ). L'avvocatessa 30enne si limitò a recitare un paio di frasi, il compito in quel caso era molto semplice, una formalità.

Messaggio modificato da Roby-oppà il 22 Jun 2010 - 15:04
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 14 Aug 2010 - 16:35
Messaggio #22


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468






Sono seduto


Stamattina sono passato accanto al carcere di San Vittore e per la prima volta ho visto aperta una porticina che dà su Viale Papiniano: c’erano diverse persone in attesa, sul marciapiede. Mi sono chiesto se aspettassero l’uscita dei loro cari – ma quello è un rito che mi sembrava di aver notato si consumasse sull’altro lato, su via Vico – o se fossero parenti in visita. Li ho guardati, figurine accalcate nel freddo sotto un muro alto alto e lungo lungo, accanto a una porticina, e ho pensato che sembrava un disegno di Gipi. E ho pensato anche a quando tra quelli lì c’ero anch’io, e che non devo dimenticarmene mai. Ci scrissi una cosa lunga, allora, dieci anni fa.

Sono seduto su questa sedia arrugginita da venti minuti. Oggi è sabato e c’è da aspettare. Sento le voci che si schiacciano a vicenda e i bisbiglii che cercano di sgattaiolare nel rumore. Tra poco la porta verniciata di grigio a un metro dalla punta delle mie scarpe si aprirà, preceduta da uno scrocco di chiavi, e una successione di bambini accompagnati da una signora grassoccia uscirà improvvisamente, sorpresi gli uni e l’altra della mia presenza da questa parte. O forse una coppia un po’ anziana, o una giovane ragazza zingara. Ritrarranno lo sguardo a meno che io non sia abbastanza veloce da dir loro buongiorno e offrirgli il modo di ricambiare. Attraverseranno i pochi metri di cortile e se sono nuovi aspetteranno un po’ di fronte alla porta blindata dall’altra parte, prima di azzardarsi a suonare il campanello perché qualcuno venga a lasciarli passare, mentre io supererò la porta di legno verniciata di grigio e aspetterò che la guardia la chiuda per venire ad aprirmi la blindata successiva. Ma intanto sto qui, sulla sedia arrugginita, a guardare la porta grigia, pitturata maldestramente, a un metro dalla punta delle mie scarpe, e le gocce di vernice che si sono solidificate in basso, sopra lo zoccolo. Ci sono delle ragnatele che pendono dal soffitto. A essere precisi non sono vere ragnatele, piuttosto dei filacci neri aggrovigliati. Saranno vecchie ragnatele abbandonate dal titolare? O tutta un’altra cosa? Fanno schifo, comunque, ci vorrebbe un entomologo.

Frequento questo carcere da tre anni e mezzo. I parenti dei detenuti sì che entrano ed escono dalle carceri continuamente, altro che i delinquenti impuniti. Mi immagino il giudice D’Ambrosio anziano, in pensione, seduto su una panchina dei giardini qui di fronte che mi vede arrivare, stamattina, ed entrare. Scuote la testa e mi indica al giornalista pensionato della panchina accanto, tirandogli la manica della giacca: “Vedrà che lo faranno uscire dopo un paio d’ore, come al solito”.

Il carcere dei parenti è un carcere a parte. Una terra di nessuno, una via di mezzo tra il fuori e il dentro. Niente che possa essere paragonato alla disumanità del carcere dei detenuti, niente che possa essere paragonato con l’umanità della vita fuori. Un giro sulle montagne russe: dura poco, ti stravolge e ti rimette coi piedi per terra e la sensazione di avere sognato. Ma poi ti abitui.

Questo carcere ha le sue regole. Regola uno, le regole non si discutono. Non perché sia vietato, ma perché non c’è niente da discutere. Come l’esistenza di Dio, per capirsi. Immaginate di poter discutere una regola come “non si possono mostrare ai detenuti foto di assembramenti”? È saltata fuori una volta che avevo portato a mio padre delle foto di persone a lui care, scattate a un incontro pubblico sulla sua storia. E così via. Le regole prevedono che il detenuto possa ricevere quattro visite al mese, ciascuna di tre persone al massimo, tutti familiari, o persone di strettissima e certificata relazione, ciascuna visita della durata di un’ora. Le visite possono diventare sei, se il detenuto ha tenuto una buona condotta durante il mese, guadagnandosene due premiali. Per avere le visite premiali però bisogna fare domandina. Parla così, il carcere, dice “premiali”, e “familiari”, e dice “domandina”. Un misto continuo di burocratese da motorizzazione civile e linguaggio da asilo nido.

Beh, questo è un mese che mio padre si è comportato bene, a quanto pare. Ha fatto domandina per le visite premiali. E dato che siamo una famiglia poco numerosa, oggi sono qui da solo. Da soli è meglio, si riesce a parlare un po’ senza preoccuparsi di togliere tempo alle altre persone che sono venute. Un’ora passa in fretta, da soli. Invece quando siamo due o tre, tutti sono sempre un po’ imbarazzati a dire cose che non sembrano all’altezza della situazione, della rara occasione di stare un’ora assieme. I discorsi si spezzano continuamente. Ci guardiamo. E mio padre dice cose tipo “ma che siete venuti a fare?”, oppure “quanto dura oggi quest’ora?”. Allora qualcuno comincia a raccontare anche le cose che non sembravano all’altezza. E infatti non lo erano, il più delle volte. Ci sono dei giorni che queste visite sembrano davvero stupide.

La porta verniciata di grigio si apre, ed esce una coppia meridionale che conosco, con un ragazzino. Lui è un uomo enorme e calvo, con un gran sorriso e delle mani che te la stritolano.. Hanno il figlio maggiore qui per cose di droga e vengono su due volte al mese da chi si ricorda dove. I genitori che vengono a trovare i loro ragazzi arrivano combattuti tra il desiderio di abbracciarli e portarseli a casa in braccio e quello di prenderli a schiaffi dall’altra parte del muretto divisorio. “Sono ragazzi”, risponde mio padre alle mamme che dicono “mi fa diventare matta”. Le mamme sono sempre delle donne molto piccole, che hanno dei figli grandi e grossi e coi capelli lunghi. Quando si incontrano, i ragazzi si mostrano esageratamente di buonumore: un po’ per consolarle e un po’ per fare i bulletti. A volte piangono, le mamme, e allora i ragazzi si arrabbiano. Alcuni, quando litigano con i parenti, a un certo punto cominciano a chiamare la guardia e a fare segni perché vengano ad aprire la porta per farli rientrare in cella. Succede più spesso tra i fidanzati. Deve essere una cosa terribile separarsi così, fino alla prossima volta. Come riattaccarsi il telefono in faccia, ma molto peggio.

Ci sono anche dei ragazzi di buona famiglia che si sono messi nei casini con la droga. I loro genitori si riconoscono, sono più rigidi, come se sentissero che il luogo richiede una particolare solennità, o non volessero mostrarsi troppo fuori luogo. Hanno modi più silenziosamente severi, si vede che passa una tensione fra loro stessi. Il figlio tiene la testa bassa o rivolta da un’altra parte, mentre parlano. Aspetta che vadano. Pensa a far finire presto quest’accidente capitato nel mezzo di un corso di studi diligente e proficuo.

Quando entro nello stanzone, dopo aver superato un’altra porta blindata, non riesco a far caso a chi ci sia oggi. La sala è piena di gente. È una stanza lunga, sarà una dozzina di metri, e larga poco più di tre. È divisa per lungo da un muretto alto un metro e qualcosa, che separa detenuti e visitatori. Non è come nei film, non c’è il vetro e il telefono: ci si può toccare e baciare e far sgattaiolare i bambini piccoli dall’altra parte del muretto, se le guardie sono in buona. Nel carcere di Bergamo, dove misero mio padre per due mesi quando questa storia cominciò, invece ci si sedeva a dei tavoli di legno. Ma non me ne ricordo granché, sarò andato al massimo tre volte. Una, c’era mia nonna che era ancora viva. Qualche anno fa mio zio Gianni ha raccontato sull’Unità quella visita e tutti abbiamo pianto per mezza giornata.

In questa stanza, dalla parte dei detenuti, c’è anche un divisorio di vetro che arriva al soffitto e serve per separare gli uomini dalle ragazze. Però a volte non c’è posto abbastanza e allora anche gli uomini vengono fatti accomodare da quella parte lì. Oppure, certi detenuti vanno a trovare una ragazza del femminile con cui hanno fatto amicizia o si sono fidanzati, e allora per un’ora passano dalla parte dei visitatori. Non so se sia che hanno richiesto loro la visita, o per cavalleria. In fondo alla sala, dietro a un altro pannello di vetro, stanno le guardie. Tengono d’occhio che non succeda niente di illecito, credo. Io non ho mai visto niente che mi sembrasse illecito, e forse neanche loro, quindi qualche volta decidono di richiamarci perché siamo appoggiati troppo addosso al muretto e gli copriamo la visuale. Quando c’è poca gente mio padre preferisce che ci mettiamo contro il muro vicino all’entrata, dalla parte opposta delle guardie. Non che abbiamo mai fatto o detto niente che volessimo nascondere. Ma una specie di paranoia, o di desiderio di riservatezza, ti porta a cercare di guadagnare a un po’ di discrezione qualsiasi cosa fai.

Tra di noi, il più discreto è mio zio Gianni. Qualsiasi cosa debba dire, la dice a voce bassissima e guardando in giro con aria distratta. Il più delle volte si tratta di cose tipo “ti saluta tanto zia Ada”, ma quasi sempre nessuno capisce esattamente. Gianni è l’unico con la testa a posto in famiglia. Ma molto, molto, a posto. Dice cose come “in questa fase dobbiamo fare molta attenzione”, oppure “sarebbe opportuno che tu gli facessi una telefonata”. Se non c’era Gianni stavamo freschi. Cioè, molto più freschi di così. Quando eravamo piccoli, io e mio fratello Nicola non lo vedevamo tanto di buon’occhio perché teneva con nostra cugina un regime a nostro modo di vedere piuttosto rigido. In sostanza, non le permetteva, e quel che era peggio neanche a noi quando eravamo da loro, di leggere Topolino a tavola. Noi, mai fatto conversazione a tavola. Siamo passati da Topolino alla televisione. Mia madre a un certo punto, quando eravamo piuttosto cresciuti, ha cominciato a proporre di spengerla, ma l’abbiamo trattata come se fosse impazzita e ha lasciato perdere.

Ora che ci penso, una cosa illecita l’abbiamo fatta una volta, stando attenti che non ci vedessero. Era un giorno che non mi ero tolto l’orologio. Quando passi la prima delle settecento porte che ti fanno attraversare, devi posare tutto quello che hai in un armadietto ammaccato di cui ti porti via la chiave sapendo benissimo che lì hanno libero accesso solo le guardie, quindi se ti danno la chiave è per non farti fregare la roba dalle guardie, e che se alle guardie gira così, aprono l’armadietto ammaccato e si pigliano quello che vogliono. Comunque, nell’armadietto devi mettere tutto quanto, cioè l’orologio, le chiavi, il portafoglio, il telefonino, le monete, tutto quello che hai nelle tasche, i gioielli, la sciarpa, gli scontrini del bar, la penna, tutto quanto. Su alcuni oggetti la giurisprudenza non si è ancora formata, tipo gli occhiali, e allora qualche volta puoi tenere gli occhiali e qualche volta no. Io le prime volte andavo con degli appunti di tutte le cose che dovevo dire a mio padre, delle persone che mi avevano chiesto di dirgli altre cose, delle questioni per cui avevo bisogno di sapere il suo parere. Ma non si poteva portare un pezzo di carta scritto. Nemmeno uno bianco, comunque. Così cominciai a scrivermi le cose sul dorso della mano, come a scuola il giorno che interrogano. Mi ero anche figurato che facessero delle obiezioni e del caso che poteva nascere con loro che pretendevano di lavarmi le mani e io che minacciavo di tatuarmi. Ma non dissero niente, naturalmente. In genere, quando prepari le scuse e le contromisure migliori del mondo, nessuno te le chiede. Da allora, vado spesso con le mani scritte, e sono la prima cosa che mio padre guarda quando arrivo, per capire se è una giornata indaffarata o no.

Fatto sta che spesso ti dimentichi di posare proprio tutto, o di guardare in ogni tasca, e l’agente che ti perquisisce se ne accorge e tu sei un po’ imbarazzato, come se ti dovessi vergognare di aver cercato di introdurre una moneta da cento o un biglietto del bus in carcere. Ma quella volta non se ne accorse, e dopo, quando eravamo dentro, scoprii di avere ancora lo Swatch col cinturino di pelle, che è il mio preferito tra i miliardi di Swatch che mi sono comprato. Una cosa un po’ idiota, lo so. Così mio padre mi chiese di passarglielo subito, che in carcere era proibito tenerne uno e lui non aveva niente per vedere che ore sono, e abbiamo fatto questo imbroglio senza che nessuno ci prestasse caso.

Che poi non è che l’orologio o mille altre cose non si possano tenere in carcere: solo che non si possono ricevere da fuori. Una volta che sono dentro, pazienza. In teoria, credo, dovresti comprarle allo spaccio interno. La volta che ci ho pensato mi è sembrato anche un bel business: più cose vietano, più ne vende lo spaccio. A pensar male si fa presto, e pare anche brutto.

In realtà il carcere non è così cattivo come nei film americani, tipo Brubaker, o Quella sporca ultima meta (che ho visto tutti e due con mio padre al cinema America di Roma): è molto, molto stupido. Sai quei compagni di scuola stupidi che per fare gli spiritosi o per fregarsi il tuo kinder brioss, ti danno una spinta mentre parti in bici e ti fanno fratturare una clavicola? Il carcere è come il più stupido dei compagni di scuola stupidi. Bisognerebbe dargli un fracco di botte, in realtà.

Tra le cose più stupide che vediamo noi di fuori (quelli dentro secondo me ne vedono di stupide e anche di cattive), c’è la selezione del pacco. Il pacco si chiama proprio così ufficialmente, come la domandina, ed è fatto delle cose che si possono portare al detenuto quattro volte quattro al mese. Unica regola chiara: il pacco pesa al massimo cinque chili. Regole su cosa ci può stare e cosa no: nessuna. È tutto affidato a una lista sterminata che sta affissa accanto all’ingresso dei visitatori. Quel che è nella lista non entra, il resto sì, salvo casi senza precedenti che vengono discussi, in genere rifiutati e aggiunti in coda alla lista. La lista è stata battuta a macchina e fotocopiata una prima volta, poi via via sono state aggiunte altre voci con una biro blu e una nera, con un pennarello arancione e con uno nero piuttosto consumato.

Noi le prime volte sbagliavamo tutto, a cominciare dal peso. Le guardie lì hanno una bilancia tipo salumiere ma di quelle con la lancetta, non quelle con i numerelli elettronici di adesso. E cinque chili, si fanno in un baleno. Esempio: due asciugamani, tre camicie, tre paia di calzini, una decina di albicocche (snocciolate, rigorosamente). Cinque chili. Così, capitava (ora siamo più bravi) di doversi riportare a casa una vaschetta di mozzarella (affettata, rigorosamente), un accappatoio (senza cappuccio, rigorosamente) o una coperta (senza orlo, rigorosamente). Le scarpe, poi, fanno voce a parte. Per le scarpe ci vuole la domandina.

Comunque io oggi il pacco non l’ho portato, che questo mese abbiamo già esaurito i quattro di bonus. Mentre aspetto, molti dei visitatori finiscono la loro ora e vengono fatti uscire. È quasi l’una e io sono arrivato per ultimo. Così, per fortuna, non bisognerà pigiarsi l’uno accanto all’altro, tra sorrisi e gentilezze solidali e fastidi di scarsa intimità. E il posto accanto al muro in fondo è libero. Quando si apre la porta dall’altra parte e mio padre entra, sorride, saluta con la testa in giro per la stanza, e mi fa cenno con l’indice di andare lì, in fondo.



http://www.wittgenstein.it/2010/03/08/sono-seduto/

Messaggio modificato da Roby-oppà il 14 Aug 2010 - 16:44
Go to the top of the page
+Quote Post
tabacon
messaggio 3 Sep 2010 - 11:28
Messaggio #23


Pòch ad bòn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 580
Iscritto il: 1 July 2008
Utente Nr.: 4137



della Francia cosa dici?

(aiutami a far star bene gli onesti che dopo io ti aiuto a far star bene i .... diciamo quelli un po' meno)
Go to the top of the page
+Quote Post
Roby-oppà
messaggio 26 Oct 2010 - 19:26
Messaggio #24


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 848
Iscritto il: 5 February 2008
Età: 37
Da: L.A.
Utente Nr.: 3468



Che c'entra la Francia tabacon? Infatti, se fossero in una situazione di maggiore illegalità rispetto a noi, cambierebbe qualcosa? Comunque in termini di suicidi nelle carceri stanno a livelli di 3-4 volte meno che da noi rapportando i differenti dati del tasso di suicidi di chi nei due paesi non sta scontando una pena detentiva.


Per quanto riguarda la tua riproposizione del tema fra parentesi, non vorrei pormi sul piano delle distinzioni su chi è torturabile o giustiziabile e chi no; piero.gif mi pare infatti che tu abbia velatamente lasciato intendere in passato di ritenere queste cose ammissibili visto che in più di un'occasione quando si parla di questi temi non sembri escludere di intendere che chi ha commesso un reato sia feccia a vita o che comunque non deve per forza godere di tutti i diritti fondamentali (i diritti fondamentali devono valere sempre, non si deve MAI entrare nel merito di chi ha fatto cosa: e in Europa, ma anche in Italia, queste non sono opinioni). Ma già che ci siamo caliamoci sul piano che proponi. Guarda tabacon che un detenuto è un onesto limitatamente al periodo di detenzione: non sta infatti commettendo alcun reato (tralasciamo i casi limite). Quando uscirà, verrà nuovamente messo alla prova, come tutti noi del resto se "la Legge è uguale per tutti". Sia chiaro: non sto dicendo che un omicida o l'autore di corruzioni o di bancarotta fraudolenta e truffa (di questi a dire il vero ce ne sono ben pochi ristretti, di solito nelle carceri italiane sono tutti poveracci o ritenuti responsabili di reati in materia di droga) merita nel periodo in cui sta in gabbia la nostra stima e che siamo moralmente tenuti ad aiutarlo ad evadere o a pestare le forze dell'ordine che lo controllano; ovviamente non è questo il tema, lo dico qualora non fosse proprio proprio chiaro.
Ti informo inoltre del fatto, magari lo sai già, che c'è poi chi in Italia è in carcere pur essendo in attesa di giudizio (e sono veramente TANTI) e a guardare le statistiche di quanti fra questi vengono poi assolti dovresti quindi preoccuparti dei tanti "onesti", come dici tu, che stanno comunque scontando una pena detentiva. Mi rendo conto che ti sto chiedendo uno sforzo non da poco visto che tutto ciò richiede di vedere la situazione da un punto di vista ben diverso rispetto a quello a cui dimostri di essere abituato (ci sono passato anche io, "nessuno nasce imparato"; normalmente non si parla mai di carcere se non in termini demagocici/populisti e spesso nelle nostre famiglie da piccoli sentiamo discorsi tipo quelli a cui sembri alludere).
Poi non è una questione di "far star bene" quanto piuttosto un "porre termine ad un'illegalità" e a delle "violazioni dei Diritti Umani". Capisci qual è il tema in ballo?
Non entro nel merito dell'onestà delle vittime in oggetto, sto parlando dell'emergenza della situazione carceraria (illegale) italiana.



CITAZIONE (Televideo Rai)
26/10/2010 18:52
Cucchi, chiesto processo per 12 persone


I pm Barba e Loy hanno chiesto il rinvio a giudizio di 12 persone per la
morte di Stefano Cucchi,il 32enne romano morto il 22 ottobre scorso, dopo sei
giorni dal suo arresto, all'ospedale Pertini.

La richiesta, che riguarda 6 medici, tre infermieri dell'ospedale romano e tre
agenti penitenziari è stata formalizzata nel corso dell'udienza al giudice
per l'udienza preliminare. L'accusa ha chiesto per un 13esimo imputato che ha
optato per il rito abbreviato, 2 anni di reclusione.





Un nuovo caso Cucchi?



Arrestato per detenzione di stupefacenti morto in carcere, dopo aver perso 30 chili ed aver chiesto inutilmente di essere curato:
http://metilparaben.blogspot.com/2010/10/79-30-49.html
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cr...1728006223.html
http://tg24.sky.it/tg24/cronaca/2010/10/26...coeli_roma.html



Siamo sicuri che in Italia attualmente si possa onestamente dire che non vige alcuna forma di pena di morte da parte della Giustizia di Stato? Stiamo a quasi una 60ina di morti ufficialmente per suicidio, a cui vanno sicuramente aggiunte alcune delle tante "morti sospette" (pare che ci sia una prassi volta a ridurre al massimo ciò che nelle statistiche viene registrato ufficialmente come "suicidio": per questo le statistiche non coincidono, il numero di una 60ina scarsa di morti per suicidio attualmente è quello ufficiale. Una 60ina su 68mila detenuti circa rispetto ad una capacità legale di poco più di circa 40mila posti a disposizione nelle strutture carcerarie situate sul suolo italiano). Fra le morti "sospette" ne sono state denunciate diverse in passato che sono state ufficialmente definite come "morti naturali" e a cui non è seguita nessuna indagine adeguatamente approfondita sebbene i corpi presentassero fratture e/o ematomi gravi: "morti naturali". Numerosi i suicidi fra chi era in attesa di giudizio, da considerarsi quindi in uno stato di diritto come "innocenti". Tristemente frequenti inoltre i casi di persone morte in carcere sebbene secondo dei periti le loro condizioni non fossero compatibili con la detenzione in carceri ordinari (in particoler ciò è avvenuto più frequentemente in alcune strutture come denunciato per il caso La Penna).
Sono infatti 52, ad esempio, le pene di morte eseguite nel 2009 in un paese come gli U.S.A. (riporto dal sito di Nessuno tocchi Caino relativamente al rapporto 2010 sulla pena di morte: "Dei 43 Paesi mantenitori della pena capitale, sono solo 7 quelli che possiamo definire di democrazia liberale. Le democrazie liberali che nel 2009 hanno praticato la pena di morte sono state solo 3 e hanno effettuato in tutto 60 esecuzioni, circa l'1% del totale mondiale: Stati Uniti (52), Giappone (7) e Botswana (1)" ).


EDIT: corretto l'ultimo periodo.

Messaggio modificato da Roby-oppà il 27 Oct 2010 - 17:40
Go to the top of the page
+Quote Post
Aonzo
messaggio 17 Jul 2011 - 04:47
Messaggio #25


Puvrìn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 1
Iscritto il: 17 July 2011
Età: 27
Utente Nr.: 6310



L'inizio si sente adatto per l'ambiente, umore depresso, la solitudine, irritabilità, può essere pensato al suicidio; lentamente adattarsi a, si sente che la vita è bella, i giorni in carcere non è così difficile!


--------------------
Go to the top of the page
+Quote Post

2 Pagine V   1 2 >
Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline




Versione Lo-Fi Oggi è il: 19 Aug 2019 - 14:51


Page top
Contattaci a staff@ferraraforum.it - visitatori dal 25 Marzo 2005 ( oggi)