IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

Registrati per comunicare con gli altri e per accedere a tutte le altre funzionalità del sito!
Per qualsiasi info scrivi a staff [AT] ferraraforum [PUNTO] it.


NOTA Il forum è offline ormai da parecchi anni, rimane online solo per archivio. Per informazioni contattare guidopotena@gmail.com

 
Reply to this topicStart new topic
> Rinnovabili
mirdat
messaggio 13 Oct 2011 - 16:32
Messaggio #1


Puvrìn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 16
Iscritto il: 13 November 2009
Utente Nr.: 5568



Roberto Saija: “Stabilità delle norme, certezza del diritto e regole chiare che permettono piani di investimenti a medio termine. Sono gli incentivi a costo zero di cui le rinnovabili hanno bisogno”.





(fonte gogrenn. virglio.it) – Come vanno le aziende delle rinnovabili? Bene, il 2011 il bilancio sarà fortemente positivo, soprattutto il fotovoltaico, mentre è un quadro atinte più fosche quello che arriva dall’eolico. Come andranno le cose nel 2012? Gli operatori, le associazioni che li rappresentano sono molto più caute. E se dal fronte del solare la richiesta sostanziale è quella di una maggiore stabilità, di una cornice di regole certe su cui mettere alla prova le capacità competitive acquisite in questi anni, gli operatori che sfruttano pale e vento chiedono di più, un sostegno e un sistema premiale più spinto che sono stati clamorosamente messi in discussione.

Grazie all’inerzia degli effetti del sistema di incentivazione del terzo conto energia per il comparto del fotovoltaico il 2012 si chiuderà in marcato segno positivo. Ma poi sarà inevitabile una forte contrazione del mercato, che impatterà pesantemente sui conti dello stesso anno.

Ma è veramente così pesante e frenante per il fotovoltaico il passaggio alle nuove regole e agli incentivi del quarto conto energia? Secondo il presidente di Assossolare non ci sono dubbi. In pratica, si sono ridotti drasticamente gli spazi di mercato in cui è possibile operare. Rimane un solo segmento, quello degli impianti medio piccoli e gli sbocchi effettivi sono ancora tutti da verificare. La competizione sarà più e selettiva forte e premierà i soggetti migliori e i più reattivi. Magari anche quelli più tarati per vincere la sfida dell’internazionalizzazione. Ma la prima prova da affrontare e quella della resistenza sul mercato interno. Per farcela vanno attentamente valutate e considerate tutte le premialità. In primis, i cinque centesimi al kilowattora previsti per l’amianto. «Ci sarà la “caccia” ai tetti da bonificare» prevedeChianetta.

Altro versante critico su cui puntare fino in fondo, quello dell’efficienza energetica, punto chiave sia della politica europea che di quella nazionale. Secondo Assosolare, invece, del tutto inefficacesi è dimostrata fin qui l’incentivazione collegata all’utilizzo di prodotto made in Europe.

Un’analisi confortata anche dai conti di un’altra associazione di operatori. Filippo Levati, presidente IFI, Comitato delle Industrie Fotovoltaiche Italiane, avverte che dei 10 Gw installati, la percentuale riconducibile all’industria italiana sia ampiamente sotto il 10% e che forse solo il 5-6% dei pannelli installati è made in Italy. Levati vede nella implementazione e valorizzazione della qualità produttivaitaliana la vera strategia per sviluppare il business solare: integrazione architettonica e innovazione estetica degli impianti fotovoltaici potrebbero rappresentare i nuovi campi di eccellenza italiana. (fonte gogrenn. virglio.it).
Go to the top of the page
+Quote Post
mirdat
messaggio 17 Oct 2011 - 16:45
Messaggio #2


Puvrìn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 16
Iscritto il: 13 November 2009
Utente Nr.: 5568



stufi del petrolio che aumenta e i soldi se ne vanno senza accorgesene perchè senza auto non sappiamo andare, bè questa potrebbe essere una soluzione alternativa che porterebbe una riduzione dell'inquinamento e dell'esborso di euro.
Go to the top of the page
+Quote Post
dolly
messaggio 15 Mar 2012 - 15:38
Messaggio #3


Puvrìn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 5
Iscritto il: 8 March 2012
Utente Nr.: 6553



Secondo me, siccome i politici non sembrano di voler prendere le decisioni giuste per risparmiare energia, bisogna fare sforzi a livello personale. Cioè risparmiare l'acqua (fare la doccia anziche il bagno), preferire vestiti ed orologi usati piuttosto che comprarli nuovi, ecc ...

Messaggio modificato da dolly il 20 Mar 2012 - 09:26
Go to the top of the page
+Quote Post
MoneFromFrara
messaggio 15 Mar 2012 - 18:24
Messaggio #4


Super Member
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 3171
Iscritto il: 24 May 2005
Età: 36
Da: Frara
Utente Nr.: 126




se vuoi spammare qualche altra volta quei siti di merda puoi eh sarcastica.gif


--------------------

se intal condominio a ghe un can, al dventa un candominio.
Go to the top of the page
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline




Versione Lo-Fi Oggi è il: 19 Nov 2019 - 10:41


Page top
Contattaci a staff@ferraraforum.it - visitatori dal 25 Marzo 2005 ( oggi)