IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

Registrati per comunicare con gli altri e per accedere a tutte le altre funzionalità del sito!
Per qualsiasi info scrivi a staff [AT] ferraraforum [PUNTO] it.


NOTA Il forum è offline ormai da parecchi anni, rimane online solo per archivio. Per informazioni contattare guidopotena@gmail.com

 
Reply to this topicStart new topic
> [scienza] Scoperta Vita Nel Lago Urania, il lago presenta analogie con la Terra Primordiale, Europa e Marte
Vale
messaggio 21 May 2009 - 07:21
Messaggio #1


Multa paucis
Gruppo icone

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 9463
Iscritto il: 18 April 2005
Utente Nr.: 75



adnkronos.it

Manca la luce e abbonda il metano, le condizioni sono simili alla Terra primordiale
Mediterraneo: scoperta vita nell'inaccessibile lago Urania
Un gruppo di ricercatori guidato dall'Universita' degli Studi di Milano ha scoperto processi metabolici che sostengono una stupefacente oasi di vita microbica in uno dei luoghi piu' inospitali del pianeta, a 3.500 metri di profondita'


Roma, 20 mag. - (Adnkronos) - Scoperte forme di vita nell'ambiente estremo del lago sottomarino Urania, uno dei luoghi piu' inospitali e inaccessibili della Terra, a oltre 3.500 metri di profondita' nel Mediterraneo orientale, dove non c'e' luce ne' ossigeno. Si tratta di uno dei luoghi del nostro pianeta paragonabile, per condizioni, alla Terra primordiale e ad ambienti extraterrestri, carico di concentrazioni di metano e idrogeno solforato, che qui supera abbondantemente la soglia di tossicita' per molti organismi, incluso l'uomo. Condizioni di vita, insomma, simili a quelle presenti in corpi celesti extraterrestri come Europa, uno dei satelliti del pianeta Giove, o su Marte. La scoperta arriva da un gruppo di ricercatori guidato dall'Universita' degli Studi di Milano ed e' in pubblicazione questa settimana su Pnas, la rivista scientifica americana Proceedings of the National Academy of Sciences of the Usa.
La ricerca, pubblicata con il titolo "Sulfur cycling and methanogenesis primarily drive microbial colonization of the highly sulfidic Urania deep hypersaline basin", rivela infatti i processi metabolici che sostengono una stupefacente oasi di vita microbica nel lago Urania, uno degli ambienti piu' estremi e inospitali del pianeta Terra. Lo studio e' stato condotto da un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Milano, guidati da Daniele Daffonchio e Sara Borin del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche della Facolta' di Agraria, in collaborazione con nove altri gruppi di ricerca italiani ed europei. Il lavoro completa le scoperte pubblicate gli scorsi anni dalle riviste Science e Nature.
"Urania -spiegano i ricercatori- e' uno dei bacini anossici ipersalini situati nel Mar Mediterraneo orientale ad una profondita' superiore ai 3500 metri. Questi laghi contengono salamoie, o 'brine' aventi concentrazione salina fino a dieci volte piu' alta dell'acqua marina sovrastante. Profondita' e ipersalinita' sono, pero', solo due dei fattori che concorrono a rendere Urania uno degli ambienti piu' estremi del pianeta".
"Altri fattori di stress - continuano i ricercatori - sono l'assenza di luce ed ossigeno, e in particolare per il Lago Urania, dato che lo differenzia dagli altri laghi sottomarini, la presenza di elevate concentrazioni di metano e idrogeno solforato. Il bacino Urania e' tra gli ambienti marini noti piu' ricchi in quest'ultimo composto, che qui supera abbondantemente la soglia di tossicita' per molti organismi, incluso l'uomo. Queste condizioni sono molto diverse da quelle degli ambienti terrestri o marini convenzionali e presentano analogie con le condizioni ipotizzate sulla Terra primordiale o attualmente presenti in corpi celesti extraterrestri come Europa, uno dei satelliti di Giove, o il pianeta Marte".
"Le elevate profondita' e densita' delle acque del lago Urania, impedendone il rimescolamento con quelle del resto del Mediterraneo, hanno determinato -spiegano ancora i ricercatori- l'isolamento delle brine, la cui formazione e' iniziata alcuni milioni di anni fa. Questo isolamento ha dato luogo all'evoluzione di forme di vita microbiche 'estremofile' ed uniche, mai riscontrate in altri ambienti marini o terrestri".
"L'elevata densita' delle brine - continuano - rende inoltre la superficie del lago una barriera per il particolato organico che, sedimentando lungo la colonna d'acqua ossigenata sovrastante, si accumula sulla superficie stessa divenendo una fonte di nutrimento per i microrganismi. Con un flusso inverso, i gas idrogeno solforato e metano vengono prodotti dall'attivita' di alcuni gruppi specializzati di microrganismi nelle profondita' del lago e tendono a risalire verso gli strati piu' superficiali, dove vengono consumati da altri gruppi microbici".
Nel loro studio, i ricercatori hanno quindi descritto l'esistenza di una complessa comunita' di microrganismi lungo la colonna d'acqua del lago Urania, particolarmente concentrati e stratificati nel sottile strato che separa le brine ipersaline dalla normale acqua marina sovrastante. "In questo strato, di soli 2 metri rispetto ad una colonna d'acqua di piu' di 3.500 metri, -sottolineano gli scienziati- si genera un gradiente di salinita' e di nutrienti in grado di sostenere particolari attivita' metaboliche".
"I fattori che regolano la produttivita' di questo ecosistema estremo -aggiungono- sono risultati legati a metabolismi energetici tipicamente microbici, basati su reazioni di riduzione ed ossidazione delle specie chimiche dello zolfo e sulla produzione di metano, unitamente allo sfruttamento della 'dark energy', una forma di energia chimica indipendente dalla luce e dai processi fotosintetici".
Secondo i ricercatori, infine, "la scoperta dei processi metabolici e dei microrganismi che sostengono i cicli degli elementi e della vita nel lago sottomarino Urania fornisce un solido punto di partenza per formulare ipotesi sulla vita primordiale sul nostro pianeta o su altri corpi celesti. Inoltre, le 'estreme' capacita' metaboliche dei microrganismi adattati a vivere nel lago Urania costituiscono una risorsa biotecnologica con potenziali applicazioni in molte attivita' antropiche".
Info: www.unimi.it


--------------------
HELP - REGOLAMENTO Dietro ogni scemo c'è un villaggio.
Go to the top of the page
+Quote Post
DinDon
messaggio 21 May 2009 - 08:52
Messaggio #2


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 892
Iscritto il: 12 September 2008
Età: 34
Da: Ferrara
Utente Nr.: 4445



Oh mi ricorda il lago di Vostok ahsisi.gif

Giusto giusto in arrivo l'esame del mio amichetto, oggi icon_rolleyes.gif


--------------------
“Nel buio, tutti i gatti sono leopardi.” - Proverbio africano
Go to the top of the page
+Quote Post
Urania82
messaggio 15 Jun 2009 - 12:22
Messaggio #3


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 1004
Iscritto il: 9 July 2007
Età: 34
Da: a tes a Bunden
Utente Nr.: 2635



oh ma che bel nome "Lago Urania"... 4.gif


--------------------
Fare o non fare, non c'è provare!
Dannato mondo dell'areonautica civile Quante insidie
Eh, puoi dirlo forte QUANTE INSIDIEEE

Go to the top of the page
+Quote Post
Stefano79
messaggio 28 Aug 2009 - 15:32
Messaggio #4


Peso
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 2104
Iscritto il: 27 June 2007
Età: 37
Da: Rovigo - Grignano
Utente Nr.: 2603



ha l'aria di essere un pustazz comunque 4.gif


--------------------
La tega dura non serve solo per pisciare in alto (Ale)



"La teoria è quando si sa tutto ma non funziona niente. La pratica è quando funziona tutto ma non si sa il perché. In ogni caso si finisce sempre con l'unire la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché."
Go to the top of the page
+Quote Post
noesis
messaggio 28 Aug 2009 - 19:03
Messaggio #5


Imbambì
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 144
Iscritto il: 21 September 2007
Età: 36
Da: Poggio metropolis
Utente Nr.: 2848



CITAZIONE (Urania82 @ 15 Jun 2009 - 13:22) *
oh ma che bel nome "Lago Urania"... 4.gif

Sei di parte, non vale!! aahhaha!!

comunque quando leggo queste notizie rimango sempre stupefatta.. quanto assurda e meravigliosa è la natura!!!


--------------------
...No need to cry...
Go to the top of the page
+Quote Post
Urania82
messaggio 28 Aug 2009 - 20:00
Messaggio #6


Veudo
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 1004
Iscritto il: 9 July 2007
Età: 34
Da: a tes a Bunden
Utente Nr.: 2635



@ Stefano: Sarà anche un Pustazz ma con quel nome diventa bellizzzzzzimo 4.gif

@noesis: eh si, sono un pò di parte! Anche se il nick "Urania" deriva dalla passione che ho per l'astronomia e nell'antica grecia Urania era appunto la musa dell'astronomia! icon_wink.gif


--------------------
Fare o non fare, non c'è provare!
Dannato mondo dell'areonautica civile Quante insidie
Eh, puoi dirlo forte QUANTE INSIDIEEE

Go to the top of the page
+Quote Post
noesis
messaggio 29 Aug 2009 - 12:50
Messaggio #7


Imbambì
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 144
Iscritto il: 21 September 2007
Età: 36
Da: Poggio metropolis
Utente Nr.: 2848



Lo avevo immaginato... Il mio viene dalla flosofia quindi trai tu le tue conclusioni XD XD


--------------------
...No need to cry...
Go to the top of the page
+Quote Post
BillyBolly
messaggio 25 Jan 2014 - 04:01
Messaggio #8


Puvrìn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 1
Iscritto il: 25 January 2014
Utente Nr.: 6911



La ricerca, pubblicata con il titolo "Sulfur cycling and methanogenesis primarily drive microbial colonization of the highly sulfidic Urania deep hypersaline basin", rivela infatti i processi metabolici che sostengono una stupefacente oasi di vita microbica nel lago Urania, uno degli ambienti piu' estremi e inospitali del pianeta Terra. Lo studio e' stato condotto da un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Milano, guidati da Daniele Daffonchio e Sara Borin del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche della Facolta' di Agraria, in collaborazione con nove altri gruppi di ricerca italiani ed europei. Il lavoro completa le scoperte pubblicate gli scorsi anni dalle riviste Science e Nature.
"Urania -spiegano i ricercatori- e' uno dei bacini anossici ipersalini situati nel Mar Mediterraneo orientale ad una profondita' superiore ai 3500 metri. Questi laghi contengono salamoie, o 'brine' aventi concentrazione salina fino a dieci volte piu' alta dell'acqua marina sovrastante. Profondita' e ipersalinita' sono, pero', solo due dei fattori che concorrono a rendere Urania uno degli ambienti piu' estremi del pianeta".
Go to the top of the page
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
2 utenti stanno leggendo questa discussione (2 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline




Versione Lo-Fi Oggi è il: 22 Aug 2017 - 15:58


Page top
Contattaci a staff@ferraraforum.it - visitatori dal 25 Marzo 2005 ( oggi)