IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

Registrati per comunicare con gli altri e per accedere a tutte le altre funzionalità del sito!
Per qualsiasi info scrivi a staff [AT] ferraraforum [PUNTO] it.


NOTA Il forum è offline ormai da parecchi anni, rimane online solo per archivio. Per informazioni contattare guidopotena@gmail.com

97 Pagine V  « < 95 96 97  
Reply to this topicStart new topic
> Federico Aldrovandi
Galen
messaggio 18 Mar 2010 - 19:19
Messaggio #2401


Super Member
Gruppo icone

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 4677
Iscritto il: 16 December 2005
Età: 43
Da: Ferrara
Utente Nr.: 462



Scusate, mi accorgo solo ora che non è stato postato questo aggiornamento sul processo bis, quello sugli insabbiamenti:

"Caso Aldrovandi, condannati tre poliziotti per le indagini depistate"

http://lanuovaferrara.gelocal.it/dettaglio...pistate/1880404


--------------------
Che abbia voce o no, il popolo può essere sempre portato al volere dei capi. È facile. Tutto quello che dovete fare è dir loro che sono attaccati, e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo e in quanto espongono il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in tutti i paesi.
(Hermann Goering - dalla deposizione al Processo di Norimberga)

Finì con i campi alle ortiche, finì con un flauto spezzato e un ridere rauco e ricordi tanti e nemmeno un rimpianto. (Fabrizio De Andrè / Edgar Lee Masters)
Go to the top of the page
+Quote Post
Jolly_roger
messaggio 30 Aug 2011 - 16:17
Messaggio #2402


Tanta Roba
Gruppo icone

Gruppo: Moderatore
Messaggi: 20710
Iscritto il: 23 June 2005
Da: Atollo di Onotoa
Utente Nr.: 185



http://www.ilrestodelcarlino.it/ferrara/cr...i_colpito.shtml


Ferrara, 30 agosto 2011 - FEDERICO ALDROVANDI doveva essere aiutato, con un «approccio di tipo psichiatrico-sanitario», invece i poliziotti misero in atto una «manovra di arresto, contenimento e immobilizzazione con estrema violenza e con modalità scorrette e lesive, quasi volessero ‘punire’ Aldrovandi». Sono parole pesanti come pietre quelle contenute nelle motivazioni della sentenza d’appello che, lo scorso 10 giugno, ha confermato le condanne a 3 anni e 6 mesi inflitte in primo grado ai quattro poliziotti accusati di eccesso colposo in omicidio colposo. Enzo Pontani e Luca Pollastri, componenti della pattuglia Alfa 3, la prima volante intervenuta, e Paolo Forlani e Monica Segatto, sull’Alfa 2, incontrarono Federico, 18 anni, all’alba del 25 settembre 2005 in via Ippodromo e poco dopo il giovane morì in seguito a una violenta colluttazione con i poliziotti. Peggio: di una «vendetta».


NEI GIORNI scorsi le motivazioni sono state depositate in Corte d’appello, a Bologna, e nelle 233 pagine i giudici (presidente Daniela Magagnoli, estensore Luca Ghedini) tratteggiano un operato dei poliziotti fuori di ogni regola del regolamento. «Aldrovandi... viene aggredito e percosso con i manganelli e atterrato — scrivono i giudici —, schiena a terra, dove si è continuato a percuoterlo, con i manganelli e a calci; la Segatto lo percuoteva sulle gambe; Pontani e Forlani lo schiacciavano a terra e Pollastri lo continuava a percuotere. Va posto in evidenza come, tra l’altro, ‘l’attacco’ di Aldrovandi sia stato goffo e inoffensivo; il calcio saltato da karateka, infatti, è stato sferrato a distanza e a vuoto. Immediata è stata, invece, l’aggressione dei quattro a manganellate». Ecco il punto: «Ognuno di loro, infatti, ha ‘ingaggiato’ senza reale necessità che non fosse quella di vendicare l’affronto subito poco prima da Pontani e Pollastri, la seconda colluttazione; ognuno di loro, infatti, ha percosso Aldrovandi, anche dopo che era stato atterrato; ognuno di loro, infatti, non ha richiesto l’invio di personale medico prima e invece di ‘bastonare di brutto per mezz’ora’ Aldrovandi, ma soltanto dopo averne vinto con violenza la resistenza».


Ferrara, 30 agosto 2011 - FEDERICO era in uno stato di «alterazione», per i giudici. In quest’unico punto la sentenza d’appello diverge da quella di primo grado. Per la Corte il diciottenne, con «alta probabilità», aveva assunto, «oltre ad alcol, eroina e ketamina, seppur in modeste quantià, anche popper ed Lsd». Ciò non cambia la sostanza dei fatti: i poliziotti, tutti esperti, avrebbero dovuto intervenire in modo ben diverso, avrebbero dovuto «riconoscere» lo stato del giovane e dunque la loro «gratuita violenza» appare ancora più grave.
I giudici poi sottolineano che resterà senza risposta una domanda: cosa ci faceva l’Alfa 3 a fari spenti quella notte in una strada a fondo chiuso? La Corte inoltre stigmatizza il fatto che, fin da subito, i responsabili della Questura tentarono di «falsificare e distorcere i dati probatori». Per questo agli imputati, che si sono ben guardati dallo «squarciare il velo della cortina di manipolazioni», non vengono concesse le attenuanti. Infine, la causa di morte: i giudici d’appello accolgono la tesi del perito Gaetano Thiene, cioè che il cuore cedette per «una compressione violenta» durante il pestaggio. Infondata, invece, la teoria delle difese di «sindrome improvvisa» causata da droga e alcol.


--------------------
Go to the top of the page
+Quote Post
luter
messaggio 28 Mar 2013 - 15:45
Messaggio #2403


Puvrìn
Gruppo icone

Gruppo: Utente
Messaggi: 6
Iscritto il: 21 March 2013
Utente Nr.: 6781



La protesta di ieri fatta da alcuni poliziotti sotto l'ufficio dove lavora la signora Patrizia Moretti mi ha davvero creato imbarazzo come cittadino ferrarese. Solidarieta' alla signora che ha dovuto sopportare in questi anni davvero tante umiliazioni e dolori. Per fortuna ho letto che il ministro Cancellieri si e' scusato. Comunque vorrei ricordare quello che hanno scritto i Modena City Ramblers nella “Luna di Ferrara”, dedicata a Federico: “La giustizia non porterà indietro i miei 18 anni, fatti a pezzi per strada, una notte di settembre da belve in divisa”.

Ho letto che domani venerdì 29 marzo, dalle 18,in Piazza Savonarola c'e' una manifestazione in solidarietà della famiglia Aldrovandi', promossa dall'Associazione Federico Aldrovandi.
Da puntualizzare che invece 'ieri mattina, il sindacato di polizia Coisp, che continua a solidarizzare con i quattro agenti riconosciuti colpevoli in via definitiva della morte di Federico Aldrovandi, ha manifestato provocatoriamente sotto le finestre degli uffici comunali dove lavora Patrizia Moretti. I pochi partecipanti hanno verbalmente aggredito il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, colpevole di aver chiesto loro di allontanarsi da quel luogo, invitandolo ad andarsene.
Go to the top of the page
+Quote Post

97 Pagine V  « < 95 96 97
Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline




Versione Lo-Fi Oggi è il: 17 Sep 2019 - 20:52


Page top
Contattaci a staff@ferraraforum.it - visitatori dal 25 Marzo 2005 ( oggi)